UE spera nell’unificazione cipriota

12

BELGIO – Bruxelles 26/01/2016. Il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz è ancora ottimista sui colloqui per il futuro di Cipro.

In conferenza stampa a Bruxelles dopo un incontro con Yiannakis Omirou, presidente della camera dei Rappresentanti greco-cipriota, Schulz ha detto: «Siamo ancor molto ottimisti sui negoziati in corso sull’isola tra le due parti (…) Crediamo nell’unificazione di Cipro anche nei tempi che stiamo vivendo e con i problemi che stiamo affrontando. È un segnale di speranza non solo per il paese, ma per l’Unione europea nel suo complesso». La questione di Cipro rimane un grosso ostacolo per l’adesione all’Ue della Turchia, in quanto diversi passi dell’iter, tra cui quello sull’energia e sui diritti giudiziari, sono bloccati dall’amministrazione greco-cipriota. Schulz ha anche aggiunto che persistono disaccordi su una soluzione tra la comunità greca e quella turca dell’isola. «Non tutto è stato fatto per il momento, non è stato raggiunto un accordo su tutto (…) Abbiamo ancora dei problemi, ma penso che ci sia ancora speranza e quindi ho garantito a Omirou che l’Unione europea è disponibile a fare ciò che è necessario». I colloqui sulla riunificazione tra le comunità greca e turca dell’isola sono ripresi a maggio 2015 quando il neoeletto presidente turco-cipriota Mustafa Akinci ha incontrato il leader greco-cipriota Nicos Anastasiades.