GIAPPONE. Okinawa restituita in parte a Tokyo

133

di Luigi Medici GIAPPONE – Tokyo 09/12/2016. La Difesa degli Stati Uniti intende restituire parte del terreno di Okinawa al governo giapponese entro la fine dell’anno. Si tratterebbe del più grande trasferimento dal 1972, ha detto il segretario alla Difesa Ash Carter nei giorni scorsi.

Stando a Channel News Asia, il risentimento per la presenza militare degli Stati Uniti è salito quest’anno dopo l’arresto di un operaio civile americano della base, Kenneth Franklin, per l’omicidio di una ventenne giapponese, Rina Shimabukuro. Carter ha fatto l’annuncio nel corso di un incontro nella capitale nipponica con il primo ministro giapponese Shinzo Abe.

Gli Stati Uniti intendono restituire quasi 10.000 acri di terreno a nord di Okinawa, con una cerimonia formale fissata per il 21 e 22 dicembre.

Okinawa, sotto occupazione degli Stati Uniti fino al 1972, ospita la maggior parte dei circa 50.000 militari statunitensi in Giappone; anche se concordato nel 1996, la restituzione del terreno è stata ritardata dai manifestanti che hanno bloccato la costruzione di eliporti. Il governo giapponese ha recentemente ripreso, però, il lavoro presso il sito.