CINA. Pechino impone sanzioni sulle armi USA a Taiwan 

47

La Cina il 12 luglio ha detto che avrebbe imposto sanzioni alle aziende statunitensi coinvolte in una potenziale vendita di armi del valore di 2,2 miliardi di dollari a Taiwan, una mossa che ha fatto infuriare Pechino. «La vendita di armi degli Stati Uniti a Taiwan ha gravemente violato le norme fondamentali del diritto internazionale e delle relazioni internazionali», ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese Geng Shuang in una dichiarazione online «Al fine di salvaguardare gli interessi nazionali, la Cina imporrà sanzioni alle imprese statunitensi che partecipano a questa vendita di armi a Taiwan», ha detto.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha avvertito gli Stati Uniti che non dovrebbero «giocare col fuoco» sulla questione di Taiwan, aggiungendo che nessuna forza straniera potrebbe fermare la riunificazione della Cina e che nessuna forza straniera dovrebbe cercare di intervenire. «Esortiamo gli Stati Uniti a riconoscere pienamente la gravità della questione di Taiwan (…)  e di non giocare con il fuoco sulla questione di Taiwan», ha detto Wang a una conferenza stampa riporta Channel News Asia.

La prevista vendita di armi, il primo trasferimento di attrezzature militari statunitensi di grandi dimensioni a Taiwan da decenni, arriva quando i legami tra Washington e Pechino sono già tesi dalla loro guerra commerciale. Il Dipartimento di Stato americano ha approvato la possibile vendita a Taiwan di carri armati M1A2T Abrams, missili Stinger e relative attrezzature per un valore stimato di 2,2 miliardi di dollari.

La Cina considera Taiwan come parte del suo territorio e ha promesso di catturarlo un giorno, se necessario con la forza.

All’inizio di questa settimana, il ministero degli Esteri cinese ha detto che Pechino ha presentato reclami formali attraverso i canali diplomatici che esprimono «forte insoddisfazione e opposizione risoluta» alla potenziale vendita di armi, che include carri armati e missili antiaerei.

La Cina in precedenza aveva anche chiesto agli Stati Uniti di «annullare immediatamente» la vendita di armi. Gli Stati Uniti hanno risposto che l’equipaggiamento avrebbe contribuito alla “pace e stabilità” in Asia.

Maddalena Ingrao