Bangladesh post elezione con l’esercito

74

BANGLADESH – Dhaka. 07/01/13. Secondo l’agenzia di stampa cinese Xinhua, quasi una dozzina di alti dirigenti del Partito nazionalista del Bangladesh e l’ex Primo Ministro Khaleda Zia (BNP) sono stati arrestati in Bangladesh dopo i post- sondaggi c’è stato un giro di vite contro l’opposizione nella capitale Dhaka. 23 i morti durante la tornata elettorale.

«Il Ramo Detective della Polizia Bangladesh ha arrestato sette leader del BNP, ma poi ne sono stati rilasciati quattro di loro» ha detto un portavoce di BNP che ha preferito non essere nominato. Il funzionario ha detto che temendo gli arresti della polizia, molti alti dirigenti, tra il Segretario Generale BNP Mirza Fakhrul Islam Alamgir sono andati a nascondersi e molti di loro hanno anche spento i loro telefoni cellulari.

Un’altra fonte, Satyaki Kaviraj ,alto funzionario della polizia Dhaka Metropolitan Police (DMP), ha dichiarato a Xinhua che: «Khandker Mahbub Hossain, consigliere di BNP e il presidente BNP, Nazimuddin Alam; il legislatore e Fazlul Haque Milon, della segreteria organizzativa del BNP, sono ora in custodia cautelare».

Il funzionario di polizia non ha voluto dire quali sono i capi di accusa nei confronti dei politici. Ha solo detto che gli arresti sono stati richiesti dal primo ministro del Bangladesh, Sheikh Hasina. Il primo ministro, avrebbe ordinato alle forze dell’ordine, esercito e all’amministrazione di agire contro i responsabili dei problemi successi durante le elezioni di domenica. E ha anche chiesto alle forze dell’ordine di riportare l’ordine dopo le elezioni parlamentari di domenica guastate dal boicottaggio dell’opposizione e dalla violenza diffusa. Le elezioni parlamentari si sono svolte in appena 147 su 300 seggi in 59 dei 64 distretti del paese, 153 candidati sono stati eletti nel bel mezzo delle contestazioni da parte di BNP di Khaleda Zia e dei suoi 17 alleati .

Secondo i risultati della Commissione elettorale, AL ha vinto 232 seggi. 21 i partiti che si sono opposti alla tornata elettore e almeno 23 le persone uccise. Hasina ha detto lunedì che si possono prevedere nuove elezione ma solo se si raggiunge un accordo tra le parti Awami League e il BNP. Le due parti politiche nella giornata di oggi si sono accusate a vicenda. Continua intanto lo sciopero nazionale indetto dal 18 -party alleanza Khaleda fino a domani alle ore 18. 

La comunità internazionale, comprese le Nazioni Unite , Stati Uniti, Regno Unito, Canada e del Commonwealth, hanno già definito l’elezione “deludente” .

«Con più di metà dei seggi contestati e la maggior parte del resto offrono unica opposizione del token, i risultati delle elezioni appena concluse non sembrano esprimere credibile la volontà del popolo del Bangladesh», ha detto il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti in una dichiarazione martedì. Chiedendo di aprire un nuovo dialogo tra i diversi partiti.

Diversa la posizione indiana:«Le elezioni in Bangladesh il 5 gennaio erano un obbligo costituzionale. Essi sono una parte del processo interno e costituzionale del Bangladesh». «È il popolo del Bangladesh a decidere del proprio futuro e a scegliere il propri rappresentanti in modo che risponda alle sue aspirazioni. I processi democratici devono poter fare il loro corso in Bangladesh», ha riferito il portavoce del Ministero degli esterni dell’India affari ha detto in una dichiarazione sul suo sito web.

Il ministro dell’Istruzione del Bangladesh, Nurul Islam Nahid, ha riferito che 531 istituzioni scolastiche sono state danneggiate nella violenza sondaggi in tutto il paese il 5 gennaio.