#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev festeggia l’Indipendenza. Al fronte si combatte. L’Azov va a processo

145

Oggi si festeggia la giornata dell’indipendenza Ucraina. E nel Donbass a Mariupol si iniziano i processi agli uomini e donne dei battaglioni Azov. Ricordiamo che i cecchini in dotazione ai battaglioni dei volontari ucraini spesso sono donne. 

In Russia il 22 agosto si è festeggiata la giornata della bandiera russa. Sulla social sfera filo russa Ii 22 agosto molti account in onore della giornata nazionale della bandiera hanno cambiato la foto del profilo inserendo appunto la bandiera russa. Un gesto che fa riflettere sul forte senso di patriottismo on line. 

Il presidente Vladimir Putin, in occasione della festività, ha affermato che la bandiera si è ormai affermata come simbolo di fedeltà alla patria e del fatto che la Russia è pronta a difendere i propri interessi. «La bandiera nazionale simboleggia anche i valori tradizionali dai quali non ci allontaneremo mai», ha detto il Presidente. Infine, tra gli eventi bizzarri, si segnala che nel giorno della bandiera russa a Odessa, ignoti hanno appeso una bandiera russa con la scritta: “Odessa è una città russa” sulla facciata di un condominio al 3a Nebesnaya Hundred. 

Ed ora veniamo al resoconto dal fronte  aggiornato alle 15:00 del 23 agosto. Un lanciamissili terra-aria S-300 ucraino è stato distrutto nella regione di Kharkiv, mentre la DNR ha distrutto un lanciamissili terra-aria Buk-M1 e un sistema radar di controbatteria di fabbricazione statunitense. A Kharkiv è scoppiato un grande incendio in un deposito di munizioni. 

Fino a 100 tra militari ucraini e milizie uccisi, 2 carri armati e 15 veicoli sono stati distrutti, secondo la social sfera russa, dall’attacco russo, a Zaitsevo e Yakovlevka in direzione Artemivsk (Bachmut). È in corso una battaglia di controbatteria nelle vicinanze di Bachmut e Kodemo. 

Nella direzione di Pervomaisky, tra Nevelskoye e Peski, la 100ª Brigata ha attaccato gli ucraini. Nella direzione di Mariinskiy le unità russe sono riuscite a rompere la difesa ucraina e ad addentrarsi nell’insediamento coprendone circa il 40%. 

Nella direzione meridionale, più di 50 tra militari e miliziani ucraini sono stati uccisi e 7 unità di mezzi corazzati e speciali sono stati distrutti nella regione di Nikolaev. Lo Stato Maggiore ucraino, nel corso del briefing mattutino, ha nuovamente segnalato la presenza di forze russe che avanzano nei pressi del villaggio di Blagodatnoye.

Le forze armate ucraine hanno bombardato nuovamente Donetsk. Sempre l’esercito ucraino ha colpito nuovamente il ponte Antonov a Kherson – ci sono vittime. Ci sono notizie di un altro bombardamento da parte dei combattenti AFU dell’NPP di Zaporizhzhia – un autista civile è stato ucciso. Inoltre, sono stati registrati attacchi in entrata a Oleksandrivka, Yasynuvata e Horlivka. 

Le forze aeree russe hanno effettuato attacchi missilistici contro strutture strategiche militari e punti di controllo nelle regioni di Zaporizhzhya, Donetsk e Kharkiv. Nell’oblast di Zaporizhzhia è stato colpito il posto di comando della 102ª Brigata di Difesa Territoriale – sono stati uccisi fino a 30 militari ucraini  e  distrutti 14 pezzi di equipaggiamento militare.

Nella giornata del 23 agosto. L’artiglieria pesante russa ha colpito le posizioni ucraine a Peski. Gli ucraini continuano a bombardare Dnipropetrovsk. L’artiglieria di Kiev ha bombardato il centro di Donetsk colpendo un palazzo dell’amministrazione di Pushylin e l’hotel Tsentral, dove alloggiano i giornalisti russi. Il bombardamento è stato effettuato da una batteria di obici da 155 mm dalla direzione di Orlovka.

L’unità di artiglieria di marina del Gruppo Vostok sta colpendo le posizioni delle forze armate ucraine in direzione Ugledar, vicino a Pavlovka. Dal fronte si apprende che, secondo le intercettazioni radio, i combattenti della 68ª unità chiedono al comando di ritirarsi a Ugledar a causa delle pesanti perdite, ma i gli ucraini della 53ª unità Oshb Aydar hanno sparato a 7 uomini mobilitati in modo dimostrabile perché volevano lasciare il fronte. Di conseguenza, l’unità è pronta ad arrendersi nella sua interezza, inducendo il vicecomandante ucraino a recarsi in queste posizioni.

Il ministero della Difesa riferisce di successi nella direzione di Nikolaev. Le unità della 28ª brigata ucraina sono state sconfitte. Nel briefing mattutino delle forze russe è stato detto che: «Le nostre truppe sono avanzate di 3 chilometri verso Mykolaiv. Il villaggio di Komsomolskoye è stato liberato».

Secondo le dichiarazioni del ministero della Difesa russo ci sono altro sviluppi:  Marinka è presa al 75%;  sono iniziati i combattimenti nei pressi di Zaitsevo (vicino ad Bachmut). Blagodatovka è stata presa. Kodoma è già coperta da tre lati.

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here

Graziella Giangiulio