Pronti per la guerra di annientamento

62

UCRAINA – Donetsk. 18/05/14. La repubblica popolare di Donetsk e Luhansk sono pronte a combattere per la federalizzazione di Ucraina. Fonte Lenta.ru.

In Ucraina nei giorni scorsi ci sono stati nuovi scontri tra gruppi armati di della Repubblica di Donetsk  (DNI) e truppe ucraine non riconosciute. Violenti scontri sono stati segnali in Slaviansk e nei villaggi circostanti. Il leader delle milizie ha ripetuto la richiesta di revocare immediatamente posti di blocco e il ritiro di veicoli militari dalle città Donbass, minacciando di scatenare una guerra di annientamento. Tuttavia, il piano strategico del ritiro truppe ucraine o probabile sconfitta nel Donbass, in generale, non cambierà la situazione. Secondo gli esperti, la Repubbliche Popolari di Donetsk e Luhansk per la propria sopravvivenza dovranno iniziare l'”espansione” per sostenere i manifestanti in altre parti del Sud – Est dell’Ucraina. I combattimenti tra le milizie e l’esercito ucraino nella regione di Donetsk sono iniziate la sera del 15 maggio, prima della scadenza dell’ultimatum, che avevano posto i capi militari dell’esercito dell’Ucraina DNR. È interessante notare che per prima (secondo il giornale di proprietà russa) ha attaccato la milizia contro le forze armate ucraine. Secondo la leadership militare di Donbass ciò è stato fatto con l’obiettivo di prevenire l’attacco da parte delle Forze Armate dell’Ucraina, che per tutto il giorno sono state impegate nella regione ad attrezzare militari e gestire il personale.

«L’esercito ucraino è schiacciante in termini di superiorità numerica di mezzi e armi. Tuttavia, la qualità professionale e la motivazione è molto più alto tra coloro che hanno combattuto nell’esercito» -ha detto al Lente.ru, l’analista politico Alexander Vorobyov. Secondo lui, i militari esistenti e potenziale di mobilitazione DNR non riconosciuto e LC sono sufficienti per controllare completamente il territorio di queste aree.