ISOLE SALOMONE. Pechino si aggiudica anche la ristrutturazione del porto

133

Le Isole Salomone hanno assegnato un contratto multimilionario a una compagnia statale cinese per l’ammodernamento di un porto internazionale nella sua capitale, nonostante le preoccupazioni che Pechino stia osservando una base navale nella regione.

«Questo vedrà la riabilitazione del vecchio porto internazionale di Honiara e la costruzione del porto nazionale di Honiara e di due porti provinciali», ha dichiarato il governo delle Isole Salomone in una nota, ripresa da AF.

L’accordo per la ricostruzione del porto fa parte di un progetto da 170 milioni di dollari finanziato dall’Asian Development Bank per migliorare le strade e le banchine della capitale.

La China Civil Engineering Construction Company, Ccecc, si è aggiudicata l’appalto dopo essere stata l’unica offerente in una gara d’appalto competitiva, ha affermato Mike Qaqara, un funzionario del ministero per lo sviluppo delle infrastrutture delle Isole Salomone.

Ccecc si è inoltre aggiudicata la componente stradale del progetto nel 2022. Lo sviluppo arriva in un momento in cui gli Stati Uniti e i suoi alleati, tra cui Australia, Nuova Zelanda e Giappone, hanno espresso il timore che la Cina abbia l’ambizione di costruire una base navale nella regione.

Le preoccupazioni sono aumentate da quando le Isole Salomone hanno stretto un patto di sicurezza con Pechino lo scorso anno.

Il primo ministro di Samoa Fiamē Naomi Mata’afa, che era tra i 10 leader delle isole del Pacifico che hanno rifiutato di firmare un patto regionale di sicurezza e commercio con la Cina a giugno, ha detto ai giornalisti in Australia “questo è un porto commerciale, anche se penso che i timori siano che potrebbe trasformarsi in qualcos’altro… doppio scopo”.

I porti moderni sono essenziali per lo sviluppo economico delle Isole Salomone, ma potrebbero diventare strutture a “doppio scopo” che potrebbero dare alla marina cinese l’accesso alla regione, riporta l’Australian National University (ANU); «Non si tratta di basi, si tratta di accesso», riferendosi al patto di sicurezza tra Honiara e Pechino.

Australian Foreign Affairs osserva che i contratti infrastrutturali Adb nelle isole del Pacifico erano stati dominati dalle società statali cinesi che offrivano le offerte più basse.

Le Isole Salomone e la Cina hanno costantemente negato che il loro patto di sicurezza consentirebbe una base navale.

«Il governo australiano monitora da vicino gli sviluppi che potrebbero avere un impatto sul nostro interesse nazionale. Il ministero per lo sviluppo delle infrastrutture delle Isole Salomone ha affermato che non ci sarà alcuna espansione del porto per il duplice uso», ha dichiarato mercoledì sera un portavoce del Dipartimento degli affari esteri e del commercio australiano.

Delegazioni dalla Cina e dagli Stati Uniti stanno visitando Honiara questa settimana e sono in competizione per l’influenza nella nazione strategicamente situata delle isole del Pacifico.

Il primo ministro Manasseh Sogavare ha incontrato il vicepresidente dell’Agenzia cinese per la cooperazione allo sviluppo internazionale, Tang Wenghong, e ha firmato l’iniziativa di sviluppo globale di Pechino, ha dichiarato il suo ufficio in una nota.

L’agenzia cinese ha finanziato progetti infrastrutturali da quando Sogavare ha trasferito il riconoscimento diplomatico a Pechino da Taiwan nel 2019 e la cooperazione allo sviluppo sarebbe stata rafforzata, ha aggiunto l’ufficio.

Sogavare ha anche tenuto un “dialogo strategico” con Kurt Campbell, il coordinatore indo-pacifico del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, che “ha ribadito il nostro sostegno per Isole Salomone libere, aperte, sicure e prospere”, ha affermato l’ambasciata americana a Honiara in una dichiarazione.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/