ANTARTICO. L’importanza strategica della nuova base cinese

265

La China Aerospace Science and Industry Corporation, Casic, è stata selezionata per costruire una nuova stazione di terra in Antartide per servire il National Satellite Ocean Application Service, Nsoas, della Cina.

Dal 2002, la Cina ha lanciato in orbita otto satelliti di osservazione oceanica per vari scopi, tra cui l’analisi oceanografica, lo sfruttamento delle risorse, lo studio dell’ecologia costiera e il monitoraggio dei disastri. Un nono dovrebbe essere lanciato quest’anno. La nuova stazione terrestre dell’Antartide faciliterà la trasmissione dei dati da questi satelliti.

Le nuove antenne e il terminale di ricezione saranno costruiti presso la base di ricerca scientifica cinese di Zhongshan, chiamata anche “stazione”, che si trova nell’Antartide orientale vicino a Prydz Bay, di fronte all’Oceano Indiano. Zhongshan è una delle cinque stazioni di ricerca antartiche gestite dal Polar Research Institute of China. In ordine di costituzione sono: Great Wall Station (1985), King George Island, Isole Shetland Meridionali; Stazione di Zhongshan (1989), Princess Elizabeth Land, Antartide orientale; Stazione Kunlun (2009), Princess Elizabeth Land, Antartide orientale; Taishan Station (2014), Princess Elizabeth Land, Antartide orientale; 5th Antarctic Station (nome provvisorio: Victoria Land Permanent Base) (2022), Inexpressible Island, Mare di Ross. L’isola inesprimibile prende il nome dall’inverno inesprimibilmente miserabile trascorso lì dai membri della spedizione Terra Nova di Robert Falcon Scott nel 1912, riporta AT.

Zhongshan, Kunlun e Taishan si trovano nel territorio antartico australiano, che occupa circa il 42% del continente. Inexpressible Island si trova nella Ross Dependency della Nuova Zelanda, che comprende l’intero Mare di Ross, compresa la maggior parte della Ross Ice Shelf e i territori costieri e interni confinanti in un cuneo che corre verso il polo.

Anche Cile, Argentina, Norvegia, Regno Unito e Francia rivendicano il territorio antartico. Ma nessuna di queste affermazioni è riconosciuta ai sensi del Trattato Antartico, che tutti loro, così come gli Stati Uniti, la Cina, la Russia e altri 45 paesi, hanno firmato. Dodici paesi hanno stazioni di ricerca sull’isola di King George. L’articolo IV del Trattato Antartico recita: «Nessun atto o attività che abbia luogo mentre il presente Trattato è in vigore costituirà una base per affermare, sostenere o negare una rivendicazione alla sovranità territoriale in Antartide o creare alcun diritto di sovranità in Antartide. Nessuna nuova pretesa o ampliamento di una pretesa esistente alla sovranità territoriale in Antartide potrà essere fatta valere mentre il presente Trattato è in vigore».

Di uguale importanza, l’articolo I afferma che: «L’Antartide deve essere utilizzato solo per scopi pacifici. Sono vietate, tra l’altro, tutte le misure di carattere militare, come l’istituzione di basi e fortificazioni militari, l’effettuazione di manovre militari, nonché il collaudo di qualsiasi tipo di armamento. Il presente Trattato non impedirà l’uso di personale o attrezzature militari per la ricerca scientifica o per qualsiasi altro scopo pacifico».

C’è il problema geopolitico. Il personale militare e le attrezzature utilizzate oggi per scopi pacifici potrebbero essere utilizzati per altri scopi domani. Come ha sottolineato Anthony Bergen dell’Australian Strategic Policy Institute Aspi, in un saggio pubblicato nell’aprile 2020, l’interpretazione di questa disposizione «non è mai stata testata… ma potrebbe essere testata nel tempo (…) Dato il track record che Pechino ha nel muoversi rapidamente su un ampio fronte, come ha fatto nel Mar Cinese Meridionale, dobbiamo essere preparati a rispondere a un rapido aumento della velocità e della portata delle azioni della Cina in Antartide (…) Alcuni accademici sottolineano che l’Antartide potrebbe essere utile per vari sistemi di comando, controllo, sorveglianza e ricognizione, nonché per basare stazioni di ricezione ed elaborazione satellitare».

A causa delle estreme sfide logistiche, gli aerei militari, le navi militari e le comunicazioni satellitari sono essenziali per le attività di ricerca in Antartide di Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti, Regno Unito e altri paesi, inclusa la Cina.

Va inoltre notato che la principale base logistica cinese per le attività in Antartide si trova a Hobart, in Tasmania.

La Cina ha costruito la propria vasta rete di stazioni terrestri satellitari in tutto il mondo. Solo in Sud America ha 11 stazioni: due in Venezuela, tre in Bolivia, una in Cile, una in Brasile e quattro in Argentina. A parte il Cile, questi paesi sono in contrasto geopolitico con gli Stati Uniti.

Secondo quanto riferito, la Cina prevede di lanciare più di 200 satelliti quest’anno. È probabile che il modo in cui seguiranno e comunicheranno con loro rimarrà un argomento prioritario per strateghi e spie occidentali.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/