#UKRAINERUSSIAWAR. Ungheria e Austria dicono no ai jet per Zelensky

207

Il tour europeo di Volodymyr Zelensky è pieno di foto da prima pagina, ma anche pieno di tanti timori. Per esempio sembra che il numero uno ucraino abbia detto al collega tedesco Sholz che i servizi segreti ucraini hanno monitorato le forniture di missili e difese aeree dell’esercito tedesco, fonte Spiegel. «Ho detto al cancelliere: Olaf, ascolta, non abbiamo abbastanza missili. So che non ne avete altri, ma abbiamo anche un servizio di intelligence. So che ci state dando tutto quello che avete. E non so come, ma lui è riuscito ad accelerare la loro produzione», ha detto Zelenski alla testata.

E ancora il presidente ucraino durante un incontro a margine del vertice di emergenza dell’UE di giovedì con il primo ministro slovacco ad interim Eduard Heger, ha chiesto ufficialmente a Bratislava di consegnare al suo Paese i caccia supersonici MiG-29 ritirati dalle forze aeree slovacche, ha riferito l’agenzia di stampa TACR. Secondo l’agenzia, Heger ha assicurato a Zelensky che la Slovacchia avrebbe fatto del suo meglio per soddisfare la richiesta del presidente ucraino. E mentre Zelensky era in Europa per la questua: non più dei carri armati, non più dei missili, ora l’obiettivo sono i jet. In Ucraina Mikhail Podolyak, consigliere del capo dell’ufficio di Volodymyr Zelenski, afferma che nessun partito ha offerto a Kiev un piano che preveda concessioni territoriali da parte dell’Ucraina in cambio della pace. Qualcuno dovrebbe dire a Podolyak che i partiti di opposizione in Ucraina non ci sono più: Zelensky ha liquidato gli ultimi il 10 di febbraio.

Gli unici a dire di no all’Ucraina per ora sono il primo Ministro ungherese Viktor Orban e il Cancelliere austriaco Karl Nehammer che hanno negato la fornitura di armi durante un incontro a Bruxelles, fonte Nepsava. Riflessivi i belgi.

L’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani ritiene autentico il video dell’uccisione di prigionieri di guerra russi da parte dei combattenti ucraini – ha dichiarato a RIA Novosti la portavoce Marta Hurtado. L’ONU ha espresso preoccupazione al ministro della Difesa ucraino per il maltrattamento dei prigionieri di guerra russi da parte di Kiev, ha dichiarato a RIA Novosti una portavoce dell’OHCHR. Nel frattempo al fronte ucraino è caccia all’uomo. I militari russi e il gruppo Wagner stanno cercando uno dei “capi” che ha dato il comando di torturare e uccidere dei prigionieri e in quanto tali disarmati. Il primo ricercato, un mercenario spagnolo che aveva fatto delle dita dei prigionieri dei trofei da vendere, è stato rintracciato e ucciso al fronte.

La statunitense SpaceX ha deciso di limitare l’accesso dell’esercito ucraino alle comunicazioni satellitari Starlink per controllare i droni. Secondo il presidente dell’azienda, Gwynne Shotwell, SpaceX non vuole che la sua tecnologia venga utilizzata per scopi offensivi.

Per la prima volta la Russia ha effettuato con successo 100 lanci di razzi spaziali di fila – ha fatto sapere Roscosmos che sta riportando a casa gli astronauti sulla navicella spaziale danneggiata.

Il ministero della Difesa rumeno ha definito, invece, non confermate le informazioni su due missili russi che avrebbero attraversato lo spazio aereo del Paese, secondo quanto riportato da Reuters. «Il ministero della Difesa rumeno afferma che le informazioni secondo cui due missili russi avrebbero attraversato lo spazio aereo rumeno non sono state confermate», ha dichiarato l’agenzia in un comunicato. Venerdì scorso, il capo militare ucraino Valeriy Zaluzhniy ha dichiarato che due presunti missili russi venerdì hanno attraversato il confine con la Moldavia e poi quello con la Romania prima di entrare nello spazio aereo ucraino.

Le autorità russe hanno alzato il livello di pericolo terroristico è stato esteso a tempo indeterminato a Sebastopoli.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/