ShamiWitness e i suoi fratelli

31

INDIA – Nuova Delhi 14/12/2014. Le agenzie di intelligence indiane hanno scoperto tre nuovi account Twitter pro Stato Islamico dopo l’arresto di un ventiquattrenne che gestiva un influente account Twitter che faceva propaganda allo Stato Islamico da Bangalore.

Secondo il ministero degli Interni indiano, tutti i tre account Twitter, chiusi il 14 dicembre, erano localizzati nello stato indiano di Maharashtra. Per motivi di sicurezza non sono stati rivelati nomi e account bloccati. Il 13 dicembre, la polizia indiana ha arrestato il ventiquattrenne Mehdi Masroor Biswas, gestore dell’account ShamiWitness. L’account aveva oltre 17mila follower , due terzi dei quali eranomujahiddin dello Stato islamico, secondo The Hindustan Times. Con oltre due milioni di visualizzazioni, ShamiWitness era uno dei più influenti account Twitter dello Stato islamico. Biswas avrebbe usato Twitter per reclutare potenziali combattenti e per consigli su come attraversare la Siria dalla Turchia. L’uomo deve ora rischia l’ergastolo per aver diffuso l’ideologia terrorista. Mehdi, un dirigente di una società di Bangalore, è stato identificato da Channel 4 News come il proprietario dell’account ShamiWitness; l’account è stato chiuso subito dopo il servizio di Channel 4. ShamiWitness era attivo dal novembre 2011; il gestore dell’account aveva spesso interagito con giornalisti ed esperti che cercavano di trovare informazioni su ciò che sta accadendo nel teatro siro-iracheno. Mehdi aveva cominciato come attivista anti-Assad e analista del fenomeno jihadista, ma era diventato un sostenitore dello Stato islamico dopo il colpo di stato militare in Egitto. La trasformazione di Mehdi da esperto del fenomeno jihadista a sostenitore dello Stato islamico può essere letta anche nella tumultuosa crescita della sua popolarità Twitter: passata da 4.700 a 17.770 follower dall’aprile 2014