Il settore finanziario contribuirà con il 5% del prodotto interno lordo entro il 2015

46

La Cina si appresta a compiere riforme importanti nel settore finanziario. Il piano del governo prevede tra il 2012 e il 2015 di liberalizzare i tassi di interesse consentendo alla borsa di Shanghai Interbank Offered, o Shibor, di svolgere il ruolo dominante nel determinare i tassi di interesse di mercato.

La liberalizzazione delle tariffe, ha detto Lu Zhengwei, capo economista presso la Industrial Bank Co Ltd, sarà raggiunta attraverso la «libertà di prezzi di prodotti “finanziari alternativi”». Il piano prevede anche l’apertura agli investimenti diretti, poi quelli in materia di investimenti in strumenti finanziari, e, infine, quelli relativi ai prestiti, ha detto Lu Zhengwei. «Il più grande rimpianto di questo piano è che non è riuscito a darci una pianificazione o un obiettivo numerico per le riforme proposte per il tasso di cambio dello yuan e il tasso di interesse di liberalizzazione» ha detto Lu. La riforma del mercato finanziario e degli investimenti diretti che la Cina istituirà prevede un meccanismo che farà affidamento sulle forze di mercato a determinare direttamente il tasso di cambio dello yuan nei confronti delle valute dei mercati emergenti, e lo yuan e le valute saranno negoziate sul mercato interbancario dei cambi. Il piano prevede anche l’istituzione di un sistema di supervisione per monitorare il flusso di valuta nazionale ed estera attraverso le frontiere e per incoraggiare i titolari di capitali privati ​​di istituire casse rurali e aziende di credito. Il governo ha anche promesso di istituire una procedura che consenta alle istituzioni finanziarie di uscire dal mercato cinese. E ha chiesto l’istituzione di un sistema di assicurazione dei depositi e l’adozione di una legge fallimentare per le istituzioni finanziarie, ma non ha dato una data di scadenza per l’approvazione delle riforme. Pan Gongsheng, vice governatore della Banca Popolare della Cina, ha detto che le riforme finanziarie del paese devono essere condotte in modo conforme ai principi fondamentali del commercio e del sistema di mercato. Le autorità prevedono che il settore finanziario superi PIL del paese tra il 2011-2015 e stima del + 5 per cento del PIL totale della Cina. La percentuale di finanziamento diretto delle imprese non finanziarie «a tutti i tipi di prodotti finanziari è previsto in aumento del 15 per cento entro la fine del 2015, ha detto. Alla fine del 2011, il rapporto era stato del 14 per cento, in crescita del 9,1 punti percentuali rispetto al 2002». Pan ha detto anche che attualmente è difficile fare progressi nei piani di riforma del sistema finanziario, che è ancora dominato da prestiti bancari. «I vecchi modi di crescita economica che il governo ha costantemente incanalato in capitale economico … a sostegno di investimenti massicci sono stati la fonte di molti problemi» ha chiosato Lu.