Tabacco speranza dello Zimbabwe

61

ZIMBABWE – Harare 23/02/2014. Si è aperta il 19 febbraio la stagione 2014 di vendita del tabacco con il primo lotto venduto per 4,85 dollari al chilo rispetto agli 4,50 nel 2013, creando grandi speranze tra gli agricoltori.

Il programma di riforma agraria dello Zimbabwe ha registrato un enorme successo nel settore del tabacco con almeno 90mila agricoltori che si sono lanciati in questo tipo di coltivazione, riporta The Herald. Almeno 185 milioni di kg di tabacco dovrebbero essere messi all’asta, contro i 166,6 milioni di kg venduti nel 2013 e la speranza degli operatori del paese è di arrivare ad un guadagno complessivo di 600mila dollari, rispetto alla stagione 2013. Il settore del tabacco è diventato uno degli strumenti di crescita economica più efficace per il governo dello Zimbabwe, che così può ora incrementare autonomamente i propri programmi di sviluppo a differenza di altri paesi che si basano su aiuti occidentali. Con un prezzo di 4.85 dollari al chilo, per le foglie più basse, che sono normalmente di scarsa qualità, le prospettive sono enormi e il relativo sviluppo economico di scala anche. Quest’anno sono sto ammessi 20 buyer, rispetto ai 15 dello scorso anno e gli agricoltori sono sicuri di ottenere servizi di qualità. Manca ancora lo sviluppo di mercati nelle città più piccole in modo da poter incrementare i benefici in tutta la filiera attraverso la creazione di società anche piccole che tutelino gli interessi dei piccoli coltivatori. 

Politiche di sviluppo infrastrutturale carenti e i rischi sconnessi alla deforestazione potrebbero essere allontanati da una capillare diffusione della coltivazione se venisse resa redditizia.