Zimbabwe: smentito il ritorno alla moneta locale

48

ZIMBABWE – Harare 08/08/2013. «Non c’è alcun piano della banca centrale per l’introduzione immediata o nel breve termine di una nuova moneta o di ritorno della moneta dello Zimbabwe con qualunque nome» ha detto Gideon Gono, capo della banca centrale del paese, il 6 agosto.

Nel 2009, il paese è stato devastato economicamente dalle conseguenze di una iper-inflazione che ha letteralmente azzerato la sua economia. Il decennio di recessione del paese è stato segnato da una inflazione galoppante, che a un certo punto ha toccato il 231milioni di punti percentuali, e poi si è stabilizzata al 2,8%, secondo gli ultimi dati. L’affermazione di Gono arriva dopo una serie di speculazioni diffusesi tra i correntisti in merito alla reintroduzione immediata del dollaro Zim, dopo la rielezione di Mugabe avvenuta alla fine di luglio. Gono ha detto che i problemi economici dello Zimbabwe non erano ancora finiti e il paese non poteva permettersi un passaggio immediato alla valuta locale. Al momento del lancio della campagna elettorale del suo partito, Mugabe aveva detto che il ritorno del dollaro dello Zimbabwe sarebbe stato «prudente e graduale». L’economia malconcia dello Zimbabwe si è stabilizzata quando i rivali Mugabe e Morgan Tsvangirai hanno formato un governo di unità nazionale nel 2009. Mentre l’economia è in crescita, al 5% dello scorso anno, le finanze pubbliche rimangono in disordine, e la maggior parte delle persone vive ancora in condizioni di povertà.