Energia: pomo della discordia in Zimbabwe

96

ZIMBABWE – Harare 24/10/13. Il Direttore del Parlamento Sig. Austin Zvoma ha scritto al cancelliere del Tribunale e il Segretario Capo di Gabinetto del Presidente chiedendo la restituzione di energia elettrica “Amendment Act 2013”, a quanto pare lo stato avrebbe dato vita a una sette di società private che forniscono l’energia elettrica. Zesa Holdings si sarebbe divisa in un numero indeterminato di nuove società private .

 

La separazione pianificata e privatizzazione – secondo il direttore del parlamento è stata orchestrata da alcuni funzionari del Ministero dell’energia e del Ministero Sviluppo in combutta con l’ex ministro Mr Elton Mangoma – avrebbe messo il settore energetico nelle mani di investitori occidentali sconosciuti scelti in maniera discrezionale da sig Mangoma.

Fonti vicine al direttore del parlamento hanno riferito che il tutto era stato fatto senza mettere al corrente l’attuale ministro in carica, Dzikamai Mavhaire. A quanto si apprende dall’Herald le imprese private erano già al lavoro senza che il ministro avesse avuto notizia della cosa. Mavhaire si è rifiutato di far luce sulla questione ieri sera, nessun commento da Mr Mangoma o Zesa Holdings.

L’ Amendment Bill è stato portato in parlamento in tutta fretta e votato dai legislatori MDC -T, che hanno approfittato del fatto che le loro controparti ZANU-PF erano impegnati nelle circoscrizioni elettorali per le elezioni primarie del partito.

La legge è stata approvata prima di chiedere parere conforme del Presidente, concesso tuttavia dopo che 21 giorni obbligatori erano decaduti, rendendo l’atto di fatto nullo.

Il direttore del parlamento si è appellato all’articolo 51 della Costituzione, ancora in vigore al momento della riforma dell’energia. Che:
(1) Fatte salve le disposizioni della sezione 52 e allegato 4, il potere del Parlamento di fare leggi è esercitata dalle leggi approvate dalla Camera dell’Assemblea e del Senato ed approvata da presidente.
(2) Quando un progetto di legge è presentato al Presidente per il parere conforme egli deve, fatte salve le disposizioni della presente sezione, entro ventuno, giorni, o assenso o negare il suo assenso .
La riforma sull’Energia elettrica ( No.5 del 2013 ) Act ha cercato di abrogare la Sezione 68 del Elettricità (capitolo 13:19) che doveva essere sostituita con una nuova sezione 68 Formazione di società subentranti.

A parte il profitto personale, le fonti dicono che ci fosse anche una chiara motivazione politica per distruggere Zesa o metterlo al di là dell’influenza di governo che sarebbe poi stato in balia degli investitori privati ​​legati al MDC- T .

Ciò avrebbe lasciato lo Zimbabwe in balia degli investitori che hanno usato la loro influenza per orientare le scelte economiche del Paese, l’Agenda Zimbabwe for Sustainable trasformazione socio-economica ( Zim Asset ).