Zidan: aiutateci a fermare il contrabbando di armi

64

LIBIA – Tripoli. 09/10/13. Il primo ministro libico Ali Zidan in un’intervista con il programma “Newsnight” della “BBC” ha chiesto aiuto “straniero” per fermare la diffusione delle armi in Libia. Egli ha sottolineato che «il movimento di queste armi minacciano anche i paesi vicini, quindi ci deve essere cooperazione internazionale per fermare questo commercio».

In un’altra intervista al programma Newsnight in precedenza Zidan aveva detto che la diffusa disponibilità di armi in Libia rappresentano una grave minaccia per la sicurezza. «È in corso il contrabbando di armi in Libia da parte di gruppi che cercano di uccidere e assassinare le persone e diffondere il terrore nel paese».  «Vedo quotidianamente i libici litigare tra loro, e il problema è che le armi sono a disposizione dei cittadini libici, e sono disponibili per i giovani». Gli esperti di sicurezza dicono che i missili terra-aria, che sono facili da usare e da nascondere, sono disponibili per i gruppi come Al Qaeda.