Fuga dallo Yemen, ora tocca a tajiki e russi

58

TAJIKISTAN – Dushanbe. 02/04/15. Asia-Plus da notizia che oggi dovrebbe iniziare l’evacuazione dei  dei cittadini tagiki bloccati nello Yemen.

Ms. Shahnoza Gadoyeva, uno degli operatori sanitari tagiki che soggiornano in Yemen con i due figli, ha detto Asia-Plus per telefono oggi che le era stato detto di essere in aeroporto Sanaa alle 4:00 pm ora locale (18:00 ora Dushanbe). «Hanno detto che la Russia ha inviato un aereo in Yemen. Prima di tutto, saranno estradati donne e i bambini», ha detto la signora Gadoyeva, notando che alcune persone sono in aeroporto da ieri. Vi ricordiamo che Abdulfayz Atoyev, un portavoce del Ministero degli Affari Esteri del Tagikistan, ha detto ad Asia-Plus, il 31 marzo che molti operatori sanitari tagiki che lavorano in Yemen, non vogliono lasciare il Paese», perché sono abbastanza soddisfatti delle condizioni di vita. «La maggior parte dei nostri operatori sanitari in Yemen stanno lavorando nelle aree rurali che si trovano lontano dai luoghi di conflitto», ha detto Atoyev. «Hanno detto che i dipendenti della nostra ambasciata per telefono che non si sentono minacciati per la loro vita e la salute. Sono soddisfatti del loro lavoro regolarmente pagato. Pertanto, non vogliono lasciare lo Yemen». I diplomatici tagiki insieme con i dipendenti delle aziende mediche della Russia per le quali i medici e infermieri lavorano i tagiki in Yemen stanno facendo gli elenchi dei cittadini tagiki che vogliono lasciare lo Yemen. Il Ministero per gli Affari Esteri tagiki ha detto il 27 marzo che l’ambasciata tagika in Qatar sta cercando di trasferire cittadini tagiki dallo Yemen in zone più sicure prima di tornare a casa con l’aiuto delle autorità russe. Come era stato riferito in precedenza, la Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFRC) Ufficio a Sanaa, sta discutendo la questione di evacuazione dei cittadini tagiki dallo Yemen. Davron Muhammadiyev, rappresentante regionale IFRC n Russia, dice un migliaio di cittadini tagiki – specialisti e le loro famiglie – sono ora in Yemen. Nel frattempo, un aereo russo è stato noleggiato, destinato per la capitale yemenita Sanaa il 1 ° aprile è stato deviato al Cairo, dopo che la coalizione saudita ha rifiutato lo sbarco, lasciando decine di cittadini russi – per lo più dipendenti dell’industria petrolifera e le loro famiglie – in attesa di evacuazione a languire in aeroporto. Il rifiuto è stato riferito in violazione delle precedenti promesse fatte dalla coalizione a Mosca. L’Agenzia di stampa russa Itar Tass ha riferito il 2 aprile che un aereo russo ha volato dall’Egitto al capitale yemenita Sanaa per evacuare cittadini russi dal paese. «L’aereo ha volato dal Cairo per evacuare il personale dell’ambasciata e altri che vogliono lasciare il paese in cui sono in corso azioni militari», fonte ambasciata russa in Yemen. Molti paesi hanno già evacuato i loro cittadini dal paese. La scorsa settimana, cinque Stati del Golfo, Egitto, Pakistan, Marocco e molti altri paesi musulmani sunniti hanno lanciato una serie di attacchi aerei contro i ribelli sciiti Houthi, che aveva guadagnato il controllo della capitale e di ampie fasce di territorio nella parte occidentale del paese. La vicina Arabia Saudita, ha preso il pieno controllo di porti e aeroporti del paese, presumibilmente per impedire l’afflusso di armi dall’estero. Riad ha apertamente accusato il suo rivale regionale Iran di finanziare i ribelli, e fomentare disordini nel paese di 25 milioni di persone.