Al Qaeda attacca il carcere in Yemen

58

YEMEN – Sana’a. 19/02/14. I lavoratori hanno ricominciato la ricostruzione della parete della prigione esplosa il 15 febbraio dopo un attentato con autobomba per liberare due detenuti. I detenuti fuggiti sono in realtà 29 di cui 19 presunti membri di Al Qaeda. Fonti, sicurezza dello Yemen.

L’agenzia di stampa ufficiale Saba ha citato una dichiarazione del ministero degli interni secondo cui 29 persone condannate «per vari reati, tra cui anche alcuni accusati di terrorismo» sono fuggite dopo uno scoppio violento della parete esterna della struttura.

I funzionari della sicurezza hanno detto che l’attacco a due punte è iniziato quando un veicolo carico di esplosivo è andato a sbattere contro la porta orientale subito dopo il tramonto. Uomini armati hanno attaccato simultaneamente le guardie all’ingresso principale, creando un diversivo che ha permesso ad alcuni prigionieri di fuggire attraverso il foro. «Diciannove di loro sono accusati di atti terroristici», ha detto un portavoce del ministero a Saba, aggiungendo che le forze di sicurezza stavano cercando di rintracciare i fuggitivi. Ha dichiarato: «un gruppo terrorista» sta dietro l’attacco, facendo riferimento ad Al Qaeda nella Penisola Araba (AQAP), visto da Washington come il ramo più letale del franchise estremista. L’autorità penitenziarie, capo generale Mohammed Al Zaleb, ha detto che 11 membri delle forze di sicurezza sono stati uccisi nell’assalto. Mentre il ministero degli interni aveva parlato di sette morti. Zaleb, ha detto che «10 membri della nostra forza sono stati uccisi, tra cui un colonnello, mentre un agente delle forze speciali è stato ucciso all’ingresso della prigione centrale dove era in servizio». Zaleb ha detto che l’assalto è stato organizzato da “50 e 60 assalitori” con i militanti che prima hanno attaccato il quartier generale dell’autorità del carcere situato di fronte alla prigione centrale e poi hanno fatto esplodere un’autobomba al cancello della prigione. Le autorità hanno accusato i “membri di Al Qaeda” dell’assalto, dicendo che la rete jihadista aveva minacciato di attaccare la prigione centrale. I primi rapporti hanno parlato di 14 fuggitivi «per lo più detenuti di Al Qaeda». Hanno anche detto che tre aggressori sono stati uccisi. I funzionari sostengono che il carcere detiene circa 5.000 detenuti. Tra coloro che sono fuggiti, Mubarak Hadi Al Shabwani, descritto come uno dei leader di Al Qaeda, che è stato arrestato il 14 dicembre 2009 e condannato a morte nel 2010 per aver effettuato diversi attacchi letali contro i membri della sicurezza. Nel mese di ottobre, le forze di sicurezza hanno sventato un tentativo di fuga da parte di circa 300 detenuti di Al Qaeda dopo un ammutinamento in un’altra prigione Sanaa. Un certo numero di guardie e detenuti sono rimasti feriti in questo incidente, ma nessuno è stato ucciso. Il capo AQAP Nasser Al Wuhayshi promesso nel mese di agosto dello scorso anno che avrebbe liberato i carcerati del suo gruppo.