Yahoo nel mirino dei pirati informatici

70

Nei giorni scorsi, diverse società sono state vittime di pirati informatici, i quali hanno sottratto più di 453 mila dati di login. La più colpita Yahoo: la compagnia ha subito ammesso e denunciato il furto di 400 mila account.

Le password farebbero parte del Yahoo Voice, il servizio VoIP alternativo al più noto Skype. Le informazioni erano conservate su alcuni file in chiaro e questo ha permesso al gruppo di hacker di accedere con molto facilità ai dati sensibili presenti nel database; le informazioni prelevate sono state poi diffuse in Rete. La compagnia si è scusata, mettendo in chiaro che solo il 5% delle password rubate ai proprio utenti erano valide. La violazione rappresenta una grave mancanza per Yhaoo, che ha così dimostrato quanto vulnerabili siano i sistemi di sicurezza. «Un approccio più dinamico ai codici di accesso degli utenti è importante per garantire una maggiore protezione», affermano gli esperti di sicurezza, «le organizzazioni hanno bisogno di crittografare tutte le informazioni e di memorizzare le chiavi di sicurezza al di fuori dell’ambiente virtuale». Non seguire questo semplice protocollo rende la società poco efficiente e facile bersaglio da parte di cracker. Il gruppo criminale, noto come D33D Company, ha poi diffuso in Rete un comunicato: «Sono molti i buchi di sicurezza presenti nei Web server appartenenti a Yahoo, sfruttati per fare danni molto più grandi dei nostri. Non prendeteli alla leggera. Quanto è accaduto è un richiamo per svegliarsi e non una minaccia». Un consiglio agli utenti maggiormente esposti è quello di cambiare frequentemente la propria password.