CINA. Xi: «La storia è il popolo hanno scelto il Partito Comunista»

53

La Cina non si lascerà intimidire e chiunque ci proverà dovrà affrontare «teste rotte e spargimenti di sangue di fronte alla Grande Muraglia di ferro del 1,4 miliardi di cinesi», ha detto Xi Jinping all’apertura delle celebrazioni per il centenario del Partito comunista cinese. “Vestito alla Mao”, Xi ha parlato dal balcone della Porta di Tiananmen, sottolineando il ruolo del partito nel portare la Cina alla ribalta globale e dicendo che non sarebbe mai stato diviso dal popolo.

Xi Jinping, capo del partito e leader delle forze armate più grandi del mondo, riporta Ap, ha anche detto che la Cina ha ripristinato l’ordine a Hong Kong dopo le proteste nel 2019 e ha ribadito la determinazione di Pechino a portare sotto il suo controllo l’autogoverno di Taiwan. Ha descritto il partito come la forza che ha ripristinato la dignità della Cina e l’ha trasformata nella seconda economia più grande del mondo da quando ha preso il potere nel mezzo della guerra civile nel 1949.

«Il popolo cinese è un popolo con un forte senso di orgoglio e fiducia in se stesso. Non abbiamo mai maltrattato, oppresso o reso schiavo il popolo di un’altra nazione, né in passato, né nel presente, né in futuro. Allo stesso tempo, il popolo cinese non permetterà assolutamente a nessuna forza straniera di intimidirci, opprimerci o schiavizzarci e chiunque tenti di farlo dovrà affrontare teste rotte e spargimenti di sangue davanti alla Grande Muraglia di ferro del 1,4 miliardi di cinesi», ha detto Xi.

Gli eventi del 1° luglio sono il culmine di settimane di cerimonie e manifestazioni che hanno esaltato il ruolo del Partito Comunista nel portare vasti miglioramenti nella qualità della vita nel paese e nel ripristinare l’influenza economica, politica e militare della Cina all’estero. Questi miglioramenti, uniti alla dura repressione degli oppositori, hanno aiutato il partito a mantenere il potere nonostante i suoi 92 milioni di membri rappresentino poco più del 6% della popolazione cinese.

Anche se i progressi sono dovuti principalmente alle riforme economiche attuate da Deng Xiaoping quarant’anni fa, le celebrazioni sottolineano il ruolo di Xi, che si è affermato come il leader più potente della Cina dopo Mao. Xi ha menzionato i contributi dei leader del passato nel suo discorso, ma le sue affermazioni di aver raggiunto dei progressi nella riduzione della povertà e nel progresso economico, aumentando il profilo globale della Cina e tenendo testa all’Occidente, erano in primo piano. Ben 68 anni, Xi ha prolungato nel tempo la sua carica e dovrebbe iniziare un terzo mandato quinquennale come leader del partito l’anno prossimo. Sta preparando la Cina ad un confronto prolungato con gli Stati Uniti. Il Partito non sta affrontando serie sfide al suo governo, come in passato, la carestia diffusa del Grande Balzo in avanti alla fine degli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60, la guerra di classe e la xenofobia della Rivoluzione culturale, e nel 1989 la crisi di Piazza Tienanmen.

La narrativa ufficiale del partito sorvola sugli errori del passato o sulle controversie attuali, enfatizzando lo sviluppo, la stabilità e l’efficienza, compreso il suo successo nel controllare il Covid-19 in patria, in contrasto con ciò che ritrae come scontri politici e pasticci nelle misure di controllo delle pandemie e lotte sociali nelle democrazie di stile occidentale.

«La storia e il popolo hanno scelto il Partito Comunista», ha detto Xi, secondo cui il partito manterrà il controllo assoluto sulla sua ala militare, l’Esercito Popolare di Liberazione, che ora ha il secondo budget annuale più grande del mondo dopo le forze armate statunitensi e ha aggiunto portaerei e nuovi sofisticati aerei, mostrati in un flyover all’inizio della cerimonia con uno squadrone di caccia stealth J-20: «Trasformeremo l’esercito del popolo in un esercito di classe mondiale, con capacità ancora più forti e mezzi ancora più affidabili per salvaguardare la sovranità della nazione, la sicurezza e gli interessi di sviluppo», ha detto Xi.

Antonio Albanese