L’Indonesia si prepara per il WTO

75

INDONESIA – Jakarta. 17/11/13. L’Indonesia, paese ospitante del prossimo summit dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) Conferenza ministeriale (MC9) ha esortato i suoi membri ad essere lungimiranti e flessibili, in modo da garantire risultati tangibili nella riunione prevista dal tre al sei dicembre a Bali .

 

«Vediamo che i paesi membri hanno rafforzato il loro impegno a Ginevra nelle ultime due settimane. Tuttavia, i progressi sono stati diseguali tra aree negoziali. Quindi, in sostanza la situazione resta fragile», ha dichiarato all’agenzia stampa Xinhua, il Vice Ministro del commercio Bayu Krisnamurthi.

Bayu ha detto che dal MC9 di Bali si aspettano dei risultati “per affinare” i risultati conseguiti nei negoziati in corso condotte dai delegati dei 159 membri a Ginevra, Svizzera .

Inoltre ha anche aggiunto l’MC9 a Bali ha il compito di fornire un trampolino di lancio per l’eventuale, conclusione tanto attesa dell’Agenda di sviluppo di Doha (DDA).

I membri dell’OMC hanno riferito che è stato accelerato il processo negoziale guidato dal nuovo Direttore generale dell’OMC Roberto Azevedo, nel tentativo di concludere un accordo che è incentrato sulla facilitazione del commercio, con alcuni elementi di negoziati importanti in materia di agricoltura e problemi di sviluppo che riguarda in particolare i paesi meno sviluppati (PMS) membri del l’OMC.

Bayu ha detto che a Ginevra è stato fatto un progresso significativo si sono colmate lacune in molte questioni come le agevolazioni degli scambi sulle questioni agricole.

I negoziatori devono bilanciare gli impegni sulla facilitazione del commercio di cui alla sezione I del progetto di accordo richiede paesi a migliorare l’esportazione e la gestione di importazione in transito. Mentre la sezione II delinea tempi di conformità impegno e di assistenza da parte di paesi sviluppati.

In materia di agricoltura vi sono tre proposte che consistono in: stoccaggio per la sicurezza alimentare, la concorrenza all’esportazione e il tariffario contingente (CT).

«La Conferenza ministeriale di Bali dovrebbe servire come accordo per uscire dallo stallo in DDA, che dura ormai da più di 12 ann . Dal punto di vista dell’Indonesia, non possiamo permetterci di perdere lo slancio del summit di Bali per ritrovare la fiducia nel sistema commerciale multilaterale e nella WTO come forum principale per la negoziazione e allo stesso demmo garante degli accordi tra stati» ha sottolineato Bayu.

Se il problema persiste, i membri vedrebbero solo aumentare i regimi commerciali preferenziali e regionali, che potrebbero trarre beneficio solo per pochi a spese di tutti gli altri paesi membri, ha aggiunto.

Bayu ha detto che l’Indonesia considera il WTO come l’organizzazione del commercio internazionale che risponda ai suoi interessi, di fondamentale importanza come forum negoziato per risolvere le controversie commerciali che l’Indonesia affronta con altri paesi.

«L’OMC ha dimostrato il suo ruolo fondamentale in mezzo al crescente bilateralismo e regionalismo dei sistemi di trading al giorno d’oggi. Il ruolo del WTO è cruciale ed è adatto ai nostri interessi», ha chiosato Bayu .

La risoluzione di controversie commerciali aventi ad oggetto prodotti indonesiani, come il tabacco e l’olio di palma, negoziati in paesi stranieri è ora in corso sotto il meccanismo dell’OMC.