VIETNAM. La “campagna acquisti” anti cinese di Washington in Asia punta su Hanoi

100

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha incontrato il suo omologo vietnamita il 29 luglio per approfondire la cooperazione nella sicurezza e nel recupero dalla pandemia, dopo che Washington ha promesso sostegno alle nazioni del sud-est asiatico coinvolte in dispute territoriali con la Cina.

Vietnam e Filippine sono tra i più accaniti avversari della Cina nelle dispute territoriali nel Mar Cinese Meridionale, dove Pechino ha ignorato le proteste dei vicini e ha costruito diverse isole dotate di piste d’atterraggio e installazioni militari, riporta Ap.

Il Vietnam ha precedentemente accusato la Cina di ostacolare le sue attività di esplorazione del gas al largo delle sue coste meridionali, e le Filippine protestano abitualmente per la presenza di navi da pesca e della guardia costiera cinese nella sua zona economica esclusiva. Anche la Malesia e l’Indonesia si sono lamentate delle attività della Cina in parti del Mar Cinese Meridionale che Pechino rivendica praticamente nella sua interezza.

Ad Hanoi, Austin e il ministro della Difesa vietnamita Phan Van Giang hanno discusso la cooperazione nel risolvere le eredità della guerra che si è conclusa nel 1975, comprese le continue ricerche dei dispersi americani, la rimozione delle mine terrestri e la decontaminazione del defoliante, la diossina Agent Orange, usato dalle truppe statunitensi durante la guerra del Vietnam, secondo il ministero della Difesa del Vietnam.

Hanno anche discusso la cooperazione non tradizionale in materia di sicurezza per il soccorso in caso di disastri naturali e l’assistenza Covid-19. La visita di Austin arriva mentre il Vietnam è nella morsa di un’ondata di coronavirus, con Hanoi e metà del paese in isolamento. Gli Stati Uniti hanno donato 5 milioni di dosi del vaccino Moderna, parte degli 80 milioni di dosi che Biden ha promesso alle nazioni a basso reddito in tutto il mondo.

Austin è arrivato da Singapore, dove il martedì precedente aveva tenuto un discorso in cui aveva detto di essere impegnato in una relazione costruttiva e stabile con la Cina, comprese comunicazioni di crisi più forti con l’Esercito Popolare di Liberazione.

Ha inoltre ripetuto che la rivendicazione di Pechino sul Mar Cinese Meridionale «non ha alcuna base nel diritto internazionale» e «calpesta la sovranità degli stati della regione». Ha detto che gli Stati Uniti aiutano gli stati costieri della regione nel sostenere i loro diritti secondo il diritto internazionale, e sono impegnati a rispettare gli obblighi del trattato di difesa con il Giappone e le Filippine.

Graziella Giangiulio