VIETNAM. Hanoi punta sul mercato automotive elettrico degli Stati Uniti

61

La prima casa automobilistica nazionale del Vietnam, Vinfast, sta scommettendo di poter entrare nel mercato dei veicoli elettrici degli Stati Uniti, che dovrebbe ricevere una grande spinta dall’amministrazione Biden visto l’impegno sulle infrastrutture EV come le stazioni di ricarica. L’Amministrazione starebbe puntando a spendere 174 miliardi di dollari in infrastrutture per veicoli elettrici nell’ambito del suo piano da 2,5 trilioni di dollari per trasformare il trasporto negli Stati Uniti.

Vinfast, un’unità del più grande conglomerato vietnamita Vingroup, ha aperto uffici in Nord America e in Europa e prevede di avere showroom in California nel prossimo futuro per tentare i clienti con le sue auto elettriche “intelligenti”, riporta Reuters.

VinFast è diventato il primo produttore di auto nazionale a pieno titolo del paese quando i suoi modelli a benzina costruiti sotto il proprio marchio sono usciti nel 2019.

L’azienda, che ha raggiunto vendite annuali di circa 30.000 unità l’anno scorso in Vietnam, deve ancora realizzare un profitto, ma sembra aver fatto un buon inizio; a marzo, è emersa la notizia che il gigante manifatturiero taiwanese Foxconn aveva proposto di acquisire la linea di produzione EV della società. Le due società erano in trattative iniziali su una partnership per produrre veicoli elettrici.

«VinFast ha istituito uffici di rappresentanza in cinque mercati internazionali e presto aprirà showroom in California», ha annunciato il 12 luglio Vingroup. «Il Ceo di VinFast Usa si è già trasferito negli Stati Uniti dal Vietnam», prosegue.

L’azienda aveva fissato l’obiettivo di vendere 56.000 veicoli elettrici nel 2022, ma l’ha ridimensionato a 15.000 unità a causa della carenza globale di chip, ha detto il presidente di Vingroup, Pham Nhat Vuong, alla riunione annuale della società a giugno.

In un’intervista di aprile, il Ceo di VinFast Usa ha detto che stavano scommettendo su uno schema di leasing della batteria e pianificando di condurre la maggior parte delle vendite negli Stati Uniti online, eliminando la necessità di una costosa rete di concessionari.

L’azienda ha detto che due modelli di auto elettriche, la VF e35 e la VF e36, sarebbero state lanciate ufficialmente nel marzo del prossimo anno. Per sostenere la sua crescita, VinFast avrà bisogno di più denaro. Ha segnalato in aprile che avrebbe considerato un’offerta pubblica iniziale negli Stati Uniti o una fusione con una Special Purpose Acquisition Company.

Tuttavia, prosegue Reuters, in maggio l’offerta di VinFast, che era prevista per il secondo trimestre, e che potrebbe aiutare l’azienda a raccogliere almeno 2 miliardi di dollari, ha subito un ritardo.

Lucia Giannini