VIETNAM. Gli USA rientrano nella base navale di Cam Ranh

33
Screenshot

La più antica nave operativa della Marina americana sta visitando la baia di Cam Ranh nella regione di Khanh Hoa in Vietnam, strategica via d’acqua nel Mar Cinese Meridionale.

L’ammiraglia USS Blue Ridge, oltre al cutter Waesche della Guardia costiera statunitense, effettua uno scalo dall’8 al 12 luglio in quella che era una base navale e aerea degli Stati Uniti durante la guerra del Vietnam e poi dell’Unione Sovietica e della Russia fino al 2002 , quando Hanoi ha smesso di ammettere eserciti stranieri, riporta Nikkei. Navi statunitensi avevano precedentemente effettuato scali a Cam Ranh Bay nel 2016 e nel 2017, riporta Nikkei.

Il Vietnam è cauto riguardo alle navi da guerra che entrano a Cam Ranh, che ha anche ospitato visite amichevoli di navi cinesi, giapponesi e australiane. Il paese comunista, l’unico governo ad aver ospitato i presidenti di Russia, Stati Uniti e Cina nell’ultimo anno, ha una politica ristretta riguardi l’apertura delle sue basi agli stranieri.

Gli Stati Uniti hanno sostenuto il Vietnam, che “gareggia” con la Cina per il possesso delle isole nel Mar Cinese Meridionale. Cam Ranh è più vicino alle isole del Mar Cinese Meridionale, alcune delle quali sono state trasformate in resort sulla spiaggia all-inclusive, di qualsiasi base statunitense.

“La settima flotta è la più grande flotta schierata della Marina degli Stati Uniti e interagisce e opera regolarmente con alleati e partner per preservare un Indo-Pacifico libero e aperto”, afferma una dichiarazione della Us Navy in occasione della visita a Cam Ranh.

Il mese scorso il presidente russo Vladimir Putin ha effettuato una visita di stato nel mezzo della guerra in Ucraina, volando ad Hanoi nonostante un mandato di arresto della Corte penale internazionale. Sei mesi prima, i suoi militari avevano fatto scalo a Cam Ranh.

“Per più di due decenni, Cam Ranh ha servito fedelmente e veramente come punto di supporto logistico per” la marina russa, disse all’epoca il console generale russo a Ho Chi Minh City, Timur Sadykov ripreso da Tass. “Fu qui che furono stabilite le tradizioni di fratellanza e amicizia tra i popoli dell’Unione Sovietica e del Vietnam”, proseguiva la dichiarazione.

Gli Stati Uniti stanno monitorando gli sviluppi della rinata vicinanza tra Hanoi e Mosca: “Washington probabilmente chiuderà un occhio sulla crescente bilancia commerciale russo-vietnamita, anche se quasi certamente farà pressione su Hanoi affinché non permetta alla Russia di tornare a Cam Ranh Bay”, riporta Nikkei.

Gli Stati Uniti affermano che stanno inviando più navi da quando hanno migliorato le relazioni con il Vietnam a settembre, durante la visita del presidente Joe Biden. Un anno fa, la portaerei USS Ronald Reagan fece scalo a Da Nang, nel Vietnam centrale. Nell’ambito dei rapporti rinnovati, Washington ha anche donato ad Hanoi tre motoscafi della guardia costiera.

Maddalena Ingrao 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/