VIETNAM. EXXONMOBIL dà il via al gas di Blue Whale

113

Lo sviluppo del gas offshore Blue Whale potrebbe essere più vicino al pompaggio dopo che l’operatore e proprietario di maggioranza ExxonMobil ha detto la scorsa settimana che stava lavorando su un piano di sviluppo finale per il campo, che si trova a 80 chilometri al largo della costa centrale del Vietnam.

Il campo Ca Voi Xanh, situato a 80 chilometri al largo della costa centrale vietnamita e conosciuto come Blue Whale, è stato silenziosamente, ma mai ufficialmente accantonato nel 2019. Inizialmente era previsto che avrebbe fornito circa il 10% della crescente domanda di elettricità del paese, trasmettendo il gas a quattro centrali separate in due delle province centrali più povere del Vietnam.

Si prevede che genererà fino a 20 miliardi di dollari di entrate per il governo vietnamita. ExxonMobil ha scoperto il giacimento una decina di anni fa e ne detiene il 63,75% in una joint venture con PetroVietnam. Nel gennaio 2019 ha assegnato all’italiana di servizi petroliferi Saipem contratti di progettazione ingegneristica. «Il progetto proposto consiste in una piattaforma offshore, un gasdotto per trasportare il gas a terra, un impianto di trattamento del gas a terra e condutture che alimentano il gas a centrali elettriche di terzi per generare elettricità a livello locale», ha detto ExxonMobil all’inizio del 2019.

A metà 2019 si diceva che ExxonMobil stesse cercando di vendere il progetto a causa di problemi sugli accordi sul gas con il governo vietnamita. Allo stesso tempo, la Cina era una minaccia persistente sullo sfondo.

Il Vietnam ha accantonato i suoi piani per una serie di impianti nucleari costruiti in Russia e Giappone alla fine del 2016, quando il carbone era a buon mercato e l’esplorazione del gas offshore non era apertamente minacciata dalla Cina. Le tensioni nel Mar Cinese Meridionale tra Vietnam e Cina hanno fatto che Repsol si ritirasse da due joint venture con il governo vietnamita durante il 2018.

Alla COP26 di Glasgow, il Vietnam si è impegnato ad azzerare le emissioni entro il 2050 e il suo più recente Piano di sviluppo energetico chiarisce che non costruirà nessuna nuova centrale a carbone.

Il Vietnam si è ampiamente allontanato dallo sviluppo delle sue risorse offshore. Tuttavia, al di fuori delle rivendicazioni della linea a nove linee della Cina nel Mar Cinese Meridionale, nel sud vicino al Golfo di Thailandia, il Vietnam continua la produzione di petrolio e gas e alcune nuove esplorazioni.

L’energia rinnovabile rappresenta più del 10% della rete nazionale, un grande risultato per una nazione di oltre 90 milioni di persone che non aveva una seria impronta rinnovabile un decennio fa. Incredibilmente, le condizioni tariffarie favorevoli hanno spinto investimenti sostanziali sia nell’eolico che nel solare.

Più recentemente, il Vietnam ha annunciato piani per l’eolico offshore e l’investimento iniziale nel settore è stato rapido, spinto prima dalla Danimarca, la cui multinazionale dell’energia Orsed ha guidato la carica eolica offshore negli ultimi anni. In questa luce, la notizia che ExxonMobil è tornata a lavorare sulla Blue Whale è significativa.

Nel 2019, si pensava che ExxonMobil avrebbe scorporato il progetto dato che era immateriale e in un’area “non-core”. Allora, il gigante energetico statunitense aveva cinque aree principali di attenzione: Stati Uniti onshore, Mozambico LNG, petrolio della Guyana, Brasile pre-salt offshore e LNG in Papua Nuova Guinea. Il suo progetto africano è ora in stallo, così come l’espansione dell’impianto di Papua Nuova Guinea.

La notizia di ExxonMobil è arrivata solo pochi giorni dopo il 60° anniversario della Giornata tradizionale dell’industria petrolifera e del gas del Vietnam, il 24 novembre, secondo il sito web della compagnia petrolifera statale di PetroVietnam. Ha anche notato che ha raggiunto il suo obiettivo di produzione nazionale di 9,72 tonnellate di petrolio 39 giorni prima del previsto.

Graziella Giangiulio