VENEZUELA. PDVSA raziona il carburante per il mercato interno

148

La Pdvsa sta preparando un piano di razionamento del carburante per i consumatori domestici, poiché l’azienda statale si trova a dover affrontare, una carenza di prodotti raffinati e le conseguenze delle sanzioni statunitensi sulle attività produttive e commerciali.

A fronte di un deficit del 58% di benzina e del 71% di gasolio e del fatto che le sanzioni statunitensi sono sempre più severe, Pdvsa sta preparando un piano di razionamento che potrebbe avere effetto nelle prossime settimane, riporta S&P Platts.

I dati preliminari di Pdvsa indicano che la produzione media di benzina per tutto il 2019 è stata di 72.000 b/g, mentre il consumo medio è stato di 142.000 b/g. La differenza è stata compensata dalle importazioni, che sono state in media di 70.000 b/g.

Per quanto riguarda il gasolio, altro carburante strategico per Pdvsa perché utilizzato per la produzione di energia elettrica, la produzione del sistema nazionale di raffinazione a dicembre è stata in media di soli 15.000 b/g. Il consumo nazionale nel 2019 è stato in media di 62.000 b/g.

La produzione di benzina e gasolio è stata discontinua e in calo a causa del progressivo deterioramento del sistema di raffinazione venezuelano, che nel complesso è attualmente in funzione solo al 15% della sua capacità installata.

L’impianto di 645.000 b/g Amuay è l’unica raffineria venezuelana attualmente in funzione e anche questa è in funzione solo a 130.000 b/g, pari al 20,2% della sua capacità. Le altre tre raffinerie della società (gli impianti di 310.000 b/d Cardon, 140.000 b/d El Palito e 187.000 b/d di Puerto La Cruz) sono chiuse a causa di estesi problemi con le unità di lavorazione, della mancata fornitura di energia elettrica e della carenza di greggio da lavorare.

La scorsa settimana, il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha istituito una ristrutturazione di Pdvsa e ha dichiarato un’emergenza energetica in risposta alle sanzioni annunciate dagli Stati Uniti all’inizio di questa settimana contro Rosneft.

Per attuare i decreti, Maduro ha creato una commissione guidata dal suo vicepresidente con delega all’Economia Tareck El Aissami che comprende altri ministri del governo, come il titolare della Difesa Vladimir Padrino e il ministro del Petrolio Manuel Quevedo, che è anche presidente di Pdvsa.

Negli ultimi quattro mesi, la società venezuelana avrebbe acquistato carburante in eccesso rispetto ai reali consumi interni con l’intenzione di mantenere le scorte piene e avere un certo margine di manovra in caso di emergenza a breve termine. 

Graziella Giangiulio