VENEZUELA. Maduro apre la caccia all’Opposizione

262

Finisce l’appoggio Usa all’opposizione venezuelana: ora Pdvsa può rivendere petrolio e Maduro “parlare” con Washington. Tempi duri per l’opposizione che aveva un “campione” in Guaidò. Un tribunale venezuelano ha ordinato l’arresto e la cattura dei membri della presidenza dell’Assemblea nazionale del 2015, l’organo che una volta nominò Juan Guaidó presidente ad interim dopo aver affermato che Nicolás Maduro era stato rieletto con un processo elettorale truccato.

Il ruolo di Guaidó è stato soppresso all’inizio di quest’anno a causa del suo fallimento nel raggiungere gli obiettivi desiderati. Era stato scelto per l’esecutivo del governo in esilio perché presidente dell’Assemblea, riporta MercoPress.

Per sostituire Guaidó in tale veste la scorsa settimana è stata nominata Dinorah Jaxilda Figuera Tovar. Ora è ricercata dalla magistratura venezuelana, insieme al primo e al secondo vicepresidente dell’Assemblea, rispettivamente Marianela Fernández Alvarado e Auristela del Valle Vásquez de Castillo, per usurpazione di funzioni, tradimento, associazione a delinquere e riciclaggio di denaro.

Il parlamento eletto nel 2015 ha finito il suo mandato nel 2020, momento in cui si sono svolte le elezioni legislative. Quindi, l’assemblea del 2015 non ha un mandato attivo ed è solo un’organizzazione simbolica che si oppone a Maduro.

Per quanto riguarda il riciclaggio di denaro, il tribunale ha spiegato che gli imputati sono coinvolti in una «nomina fittizia di un consiglio di presidenza di un’Assemblea nazionale presumibilmente illegittima, per il furto di beni venezuelani all’estero».

In pratica, gli arresti non possono essere eseguiti poiché le tre donne vivono all’estero: Figuera e Vásquez in Spagna e Fernández negli Stati Uniti.

«Dalla legittima Assemblea nazionale consideriamo questa azione come una violazione di qualsiasi processo e l’ennesimo attacco contro i diritti umani in Venezuela», si legge in una dichiarazione domenica. «Chiediamo alla comunità democratica nazionale e ai governi democratici del mondo di alzare la voce e pronunciarsi di fronte a questo feroce assalto del regime di Nicolás Maduro».

Una maggioranza all’interno dell’opposizione ha nominato Figuera il 5 gennaio a capo di quel Parlamento, rimpiazzando Guaidó e ponendo fine al “governo ad interim” dopo quattro anni.

L’Assemblea del 2015 rivendica la legittimità dopo aver affermato che anche la schiacciante vittoria del chavismo alle elezioni parlamentari del 2020 è stata ottenuta attraverso la frode.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/