VENEZUELA. L’UE deve rispettare le nostre elezioni

110

Il numero due del partito chavista venezuelano Psuv, Diosdado Cabello, si è scagliato il 10 novembre, contro la missione elettorale dell’Unione Europea che è nel paese per supervisionare le prossime elezioni legislative e regionali. «Andate al diavolo con le vostre opinioni», ha detto Cabello, che è anche il primo vicepresidente del Partito Socialista Unito del Venezuela.

Cabello ha accusato la missione di osservazione elettorale dell’Unione Europea di essere “spie” e di avere il loro rapporto già scritto con la volontà di screditare le elezioni del 21 novembre.

«Andate al diavolo con le vostre opinioni (…) Qui in Venezuela chi mette al presidente, governatori e sindaci è il popolo del Venezuela. Vi stiamo avvertendo in tempo». ha detto Cabello, ripreso da MercoPress.

«Occorre Fare attenzione: L’Ue non è mai stata nostra amica», ha insistito Cabello durante un evento elettorale a Monagas che è stato trasmesso dalla televisione di stato. Cabello ha detto che gli osservatori europei «hanno già pronto il loro rapporto, e i settori dell’opposizione e dell’imperialismo sanno già cosa diranno (…) Diranno che la rivoluzione bolivariana ha vinto a Monagas e in Venezuela, ma ci sono ragionevoli dubbi», ha aggiunto Cabello.

Cabello, considerato da molti come il numero due del chavismo, ha insistito: «Chiarite i vostri dubbi, UE, e imparate a rispettare il popolo che vi ospita oggi». Il leader del Psuv ha detto che il Nicaragua è un esempio di cosa aspettarsi: «C’è Daniel Ortega, ha vinto un’elezione con il 75% dei voti, la Ue dice che non è una vera elezione con il 50% delle liste elettorali, non è reale».

Ha quindi chiesti ai sostenitori del suo partito di raddoppiare gli sforzi per vincere «in modo schiacciante».

Il capo della missione Ue Isabel Santos aveva annunciato che la sua squadra avrebbe avuto un rapporto preliminare pronto entro il 23 novembre, mentre le conclusioni finali saranno consegnate a Caracas entro febbraio 2022.

Il 28 ottobre, l’Europa ha dispiegato 44 osservatori a lungo termine in 22 dei 23 stati del paese, ai quali si aggiungeranno 34 osservatori a breve termine e 12 membri del Parlamento europeo, oltre a un «numero indeterminato di osservatori europei a breve termine reclutati in Venezuela» per rafforzare le operazioni il giorno del voto.

È la prima volta in 15 anni che l’Europa invia una squadra tecnica per valutare le elezioni, dopo le elezioni parlamentari del 2020 e le elezioni presidenziali del 2018, dove il presidente Nicolás Maduro è stato rieletto. Alle elezioni di quest’anno parteciperà, per la prima volta dal 2017, il grosso dell’opposizione, compreso il settore guidato da Juan Guaidó, riconosciuto come presidente in carica da più di 50 paesi, dopo aver chiesto l’astensione nelle presidenziali del 2018, e i parlamentari del 2020, in cui il chavismo ha ottenuto la maggioranza.

Più di 21 milioni di venezuelani voteranno il 21 novembre per eleggere 23 governatori, 335 sindaci, 253 legislatori nei consigli legislativi e 2471 consiglieri.

Antonio Albanese