VENEZUELA. L’export negli USA aumenta del 30%

166

Il presidente dell’Associazione venezuelana degli esportatori (AVEX) Ramón Goyo ha annunciato un aumento del 30% delle vendite all’estero rispetto alle cifre del 2020, che ha permesso ai produttori di compensare un forte calo del consumo interno.

Goyo ha anche spiegato che i prodotti attualmente sono quelli del mare, come gamberi, gamberetti, granchi, pesce fresco, tra gli altri.

Ha anche aggiunto che il rum, il cacao, il cioccolato, il legno, i frutti tropicali, i prodotti per l’igiene personale e il settore automobilistico sono altri prodotti che hanno mostrato migliori cifre di esportazione nel 2021, riporta MercoPress.

D’altra parte, Goyo ha sottolineato che nel mese di novembre ha avuto conversazioni con le autorità nazionali per quanto riguarda le difficoltà del settore e la necessità di accelerare i tempi di lavorazione fino a quando le merci possono finalmente lasciare i porti. Alcuni requisiti legali in vigore colpiscono il 50% delle esportazioni nazionali, secondo Goyo, che ha anche sottolineato che i mercati internazionali stanno attualmente lavorando con consegne in tempo e con basse scorte, motivo per cui è necessario accelerare le spedizioni.

Il granchio è diventato è il principale prodotto di esportazione dal Venezuela verso gli Stati Uniti, secondo l’Ufficio di Commercio e Analisi Economica del Dipartimento del Commercio, sostituendo così il petrolio e i suoi derivati come principale voce di esportazione.

Tra gennaio e ottobre, le esportazioni di granchio si sono attestate a 45,3 milioni di dollari, il suo più alto risultato in oltre due decenni.

Anche il metanolo si distingue. Si tratta di un tipo di alcool non potabile, noto anche come alcool di legno o alcool metilico, usato soprattutto per fare carburante, solventi e prodotti antigelo.

Il commercio tra il Venezuela e gli Stati Uniti sta salendo nel 2021 per la prima volta dal 2018, con 1.574 milioni di dollari di commercio, un aumento del 21% rispetto al 2020. Le importazioni venezuelane fino a ottobre ammontavano a 1.352 milioni di dollari, già una crescita del 19% rispetto al 2020, mentre le esportazioni valevano 222 milioni di dollari, già il 32% in più dell’anno scorso.

Lucia Giannini