VENEZUELA. Il petrolio PDVSA rafforza l’asse Caracas Teheran

212

Il Venezuela segue la via tracciata dall’Iran: ignorare le sanzioni Usa sulla sua industria petrolifera per tornare a sviluppare le sue riserve di greggio. Dopo anni di stallo e di perdita di investimenti internazionali, nonché di entrate, il Venezuela sembra voler aumentare la sua produzione di petrolio, favorendo le relazioni con i principali mercati di esportazione che sono disposti a rischiare ritorsioni degli Stati Uniti.

Come riporta MercoPress, sembra che il Venezuela stia intraprendendo un’azione simile a quella iraniana, trovando il modo di superare le sue sanzioni petrolifere per aiutare a sostenere la sua economia.

Il Partito Socialista Unito del Venezuela, Psuv, sta lavorando con la Cina e l’Indonesia per far ripartire l’industria petrolifera dopo anni di blocco delle operazioni. Ma nonostante il fatto che i prezzi del petrolio stiano aumentando in tutto il mondo, dato che la domanda continua a crescere, è improbabile che gli Stati Uniti lascino cadere le loro sanzioni sul Venezuela se l’attuale dirigenza politica mantiene il suo dominio, anche se rientrando il Venezuela in produzione, diminuirebbero ii prezzi del petrolio.

Secondo Lloyds List Intelligence, nel 2020 circa 150 navi hanno trasportato petrolio venezuelano in Asia, principalmente attraverso la Malesia per essere trasferito in Cina e Indonesia. Con la domanda asiatica di petrolio che dovrebbe aumentare di 1,7 milioni di bpd nel 2022, la regione non si fa molti problemi sull’origine del greggio.

Si pensa che la Cina abbia acquistato un totale di 324 milioni di barili da Iran e Venezuela nel 2021, un aumento del 53% rispetto al 2020, la quantità più alta dal 2018. Ha raggiunto questo livello di importazioni attraverso diversi mezzi. In primo luogo, il petrolio sanzionato arriva spesso su vecchie navi che sono destinate alla rottamazione. In secondo luogo, il petrolio arriva in petroliere che si sono oscurate, cioè sono con i loro transponder spenti per evitare il rilevamento. E, in terzo luogo, i carichi di petrolio sono trasferiti in mare da una petroliera all’altra per evitare di sapere da dove viene il petrolio. Gran parte del petrolio viene ribattezzato per far credere alle autorità internazionali che provenga dall’Oman e dalla Malesia, e le importazioni da questi paesi sono aumentate significativamente dal 2020.

La Cina sembra in gran parte indifferente alle potenziali ripercussioni dell’acquisto di petrolio sanzionato. I raffinatori privati cinesi sono i più comuni acquirenti di greggio iraniano e venezuelano; beneficiano dei prezzi più bassi e della disponibilità da quando gli alleati degli Stati Uniti in Asia, come il Giappone e la Corea del Sud, hanno smesso di acquistare dagli stati sotto sanzioni.

Nel 2021, si pensa che il Venezuela abbia quasi raddoppiato la sua produzione di petrolio rispetto all’anno precedente, perché la Petroleos de Venezuela ha ottenuto il sostegno di diverse piccole società di trivellazione grazie al rollover dei loro debiti. Inoltre, l’azienda ha importato un diluente dall’Iran per raffinare il suo greggio extra-pesante, dopo essersi inizialmente preoccupata della scarsità del diluente. La produzione è stata di circa 824.000 bpd a novembre 2021; e alla fine del 2021, il Venezuela ha raggiunto 1 milione di bpd, segnando un’enorme inversione di tendenza, anche se da nessuna parte vicino al suo picco di 3,2 bpd nel 1999.

Molto di questo successo è legato alla recente partnership di Caracas con Teheran. I diluenti, come la nafta, acquistati dall’Iran sono essenziali per ridurre la viscosità del greggio venezuelano nella fascia dell’Orinoco. I diluenti sono trasportati dall’Iran al Venezuela attraverso percorsi complessi per evitare il rilevamento da parte degli Stati Uniti. Le stime sulla produzione di petrolio nella Cintura dell’Orinoco ammontano attualmente a 450.000-500.000 barili al giorno grazie all’aiuto dell’Iran”.

Pur seguendo le orme dell’Iran, il Venezuela conta ancora sul fatto che gli Stati Uniti facciano cadere le sanzioni sulla sua industria petrolifera per ottenere maggiori investimenti stranieri e mantenere una produzione di petrolio elevata.

Tommaso Dal Passo