VENEZUELA. Il Caos di Caracas è la sala d’emergenza degli Angeli della Strada

95

La crisi sempre più profonda del Venezuela ha sventrato i servizi di ambulanza di emergenza, così un gruppo di paramedici volontari ha deciso di offrire il proprio aiuto sulle strade di Caracas.

Chiamandosi “Angeles de la vias”, il corpo di volontari si basa su forniture mediche donate e finanziamenti da organizzazioni internazionali. Nonostante non riceva alcuno stipendio, i suoi circa 40 paramedici sono pronti a saltare su motociclette, saltare sulla loro unica ambulanza e correre per le strade.

Jonathan Quantip, 44 anni, ha detto che lui e il co-fondatore Zuly Rodiz hanno lanciato il progetto due anni fa dopo aver visto il Venezuela precipitare all’indietro in piena crisi politica e sociale. Il gruppo lavora con un budget ridotto e non rimane nulla per i salari, quindi ogni paramedico si affida ad un’altra fonte di reddito. Alcuni donano il loro tempo libero dopo aver lavorato in ospedali e caserme dei pompieri. Altri lavorano in fast-food e così via.

I paramedici dicono che si nutrono dell’adrenalina di ogni chiamata d’emergenza sulla scena di un incidente caotico o di una sparatoria in un quartiere poco servito. Anche semplici gesti di gratitudine li motivano.

Una volta il Venezuela era una ricca nazione petrolifera, ma anni di crisi politica l’hanno lasciata in rovina. La maggior parte dei residenti non ha acqua corrente ed elettricità stabili a casa. La crisi ha fatto emigrare più di 5 milioni di persone in fuga: una migrazione che rivaleggia con quella della Siria in guerra.

Gli ospedali del Venezuela mancano di medicine di base e di personale addestrato e non ci sono abbastanza ambulanze in servizio per soddisfare le esigenze della sua popolazione. Alcuni servizi statali esistono, ma sono inaffidabili e spesso non hanno forniture mediche adeguate, mentre le aziende private sono più costose di quanto la maggior parte dei venezuelani possa permettersi.

I collaboratori degli Angeles de las vias lavorano in uffici in affitto presso un giornale che non stampa più un’edizione cartacea. Tengono d’occhio il traffico radio con walkie-talkie e scansionano le chat online dedicate ai servizi di emergenza.

A volte, i colleghi del settore pubblico delle ambulanze e dei vigili del fuoco hanno bisogno di aiuto e li chiamano per i rinforzi. La maggior parte delle loro chiamate riguardano incidenti stradali a Caracas, dove l’illegalità generale significa che pochi obbediscono ai segnali di stop; non c’è alcuna rivalità con i servizi pubblici, compresi polizia, pompieri e ambulanze. I loro colleghi del settore pubblico spesso mancano di forniture mediche di base come i guanti, quindi condividono quello che hanno, rirpota Ap.

Ogni giorno ci sono in media quattro chiamate, e la nuova pandemia di coronavirus significa che almeno una di queste è una richiesta di portare un paziente con problemi di respirazione in un ospedale, mettendo i volontari stessi a rischio di prendere la malattia.

Antonio Albanese