VENEZUELA. Arreaza chiede di dialogare con Pompeo assieme all’opposizione

117

Il governo venezuelano non è autorizzato a prendere una decisione sull’arresto del leader dell’opposizione Juan Guaido con l’accusa di tentato colpo di stato, spetta ad altre agenzie statali di prendere tali decisioni, ha detto il ministro degli esteri del paese Jorge Arreaza in una conferenza stampa a Mosca il 6 maggio.

«Ci sono alcune informazioni su questi eventi e sulle persone coinvolte nel tentato colpo di stato, che è stato fornito dal procuratore generale del paese. Le autorità giudiziarie hanno aperto un’indagine», ha detto. «L’Assemblea costituzionale ha privato Guaido dell’immunità, ma non spetta al governo decidere se arrestarlo o meno. Altre agenzie statali devono prendere una decisione in materia», ha aggiunto Arreaza, ripreso dalla Tass.

«Il popolo venezuelano vuole giustizia e rispetto per la legge, chiedono che il sistema di giustizia sia efficace perché se la democrazia è sotto attacco e la legge è violata, allora devono essere prese le misure necessarie», ha sottolineato il ministro venezuelano.

Secondo quanto riporta poi la tv serba B92 «C’è un piano della CIA e dell’opposizione venezuelana per rovesciare il governo Maduro e prendere il controllo delle risorse naturali del nostro paese, che appartengono al popolo come risultato di una rivoluzione socialista», ha aggiunto Arreaza; «Questo è ciò che stiamo cercando di prevenire. Non vogliamo che il popolo venezuelano soffra». 

Arreaza ha detto che le autorità del Paese hanno chiesto al Segretario di Stato americano Michael Pompeo di entrare in dialogo con loro: «Non usare la forza, non mettere in scena colpi di stato perché abbiamo istituzioni democratiche ed è giunto il momento della diplomazia. L’amministrazione presidenziale statunitense dovrebbe permettere all’opposizione venezuelana di venire al tavolo dei negoziati con noi», ha detto Arreaza. «Siamo pronti per tutti gli scenari. Il primo è la diplomazia, il dialogo, la pace», ha detto Arreaza, dopo aver incontrato il suo omologo russo Sergei Lavrov. Il capo della diplomazia venezuelana ha anche sottolineato che se la Casa Bianca «optasse per l’intervento militare, abbiamo una forza armata, un popolo, una guardia nazionale che sarà in grado non solo di resistere e combattere, ma anche di vincere».

Le osservazioni di Arreaza sono arrivate due giorni dopo che Maduro ha chiesto alle forze armate del Venezuela di essere pronte a qualsiasi potenziale azione militare degli Stati Uniti contro il paese: «Siate pronti a difendere la patria con le armi nelle vostre mani se un giorno l’impero americano osasse toccare questo territorio, questa terra sacra», ha detto Maduro durante un discorso televisivo da una base nello stato nord-occidentale del Cojedes.

Graziella Giangiulio