UZBEKISTAN. Tashkent vuole vendere la sua miniera d’oro entro il 2023

99

La miniera d’oro di Muruntau, situata nel deserto di Qizilqum in Uzbekistan, è la più grande miniera d’oro a cielo aperto del mondo. Scoperta nel 1958, l’estrazione in superficie iniziò nel 1967 e scavò il gigantesco buco largo chilometri che è oggi la miniera. Posseduta e gestita dalla compagnia statale uzbeka Navoi Mining & Metallurgy Kombinat, sarà messa in vendita ed è il più grande bene che il paese ha da mettere in vendita.

In epoca sovietica la città era chiusa ai visitatori e popolata da un grande contingente di russi e soprattutto ucraini, dato che quei paesi hanno forti comunità minerarie. Ma oggi la vicina città di Navoi è fiorente, poiché sia la città che l’economia sono state aperte.

La miniera d’oro ha attraversato quattro fasi di sviluppo da quando è stata fondata e una quinta fase di sviluppo è attualmente in corso, che dovrebbe terminare nel 2026. Il primo obiettivo è stato quello di produrre più oro. La miniera ha avuto una nuova vita nel 2016, quando il presidente Shavkat Mirziyoyev ha iniziato un programma di investimenti da 3 miliardi di dollari.

L’attrezzatura è stata aggiornata e sono stati portati dei consulenti per migliorare l’efficienza. Muruntau produce 80 tonnellate all’anno di oro e quest’anno è sulla buona strada per produrre 82 tonnellate da riserve di circa 101 milioni di once, per un valore di circa 190 miliardi di dollari ai prezzi di oggi. La valutazione preliminare del business è di 10 miliardi di dollari.

La Banca Centrale dell’Uzbekistan ha il diritto di comprare l’oro prodotto e la metà delle riserve di valuta forte del paese è costituita da questo metallo, ma dopo, secondo le nuove regole liberalizzate, l’azienda è libera di vendere l’oro come vuole sui mercati internazionali.

Gran parte dell’operazione mineraria è semplicemente la lavorazione degli scarti lasciati da decenni di produzione durante il periodo sovietico. Originariamente la società americana Newmont mining è entrata in una joint venture per lavorare gli scarti, dato che la tecnologia sovietica era inefficiente e gli scarti trattenevano una quantità significativa di minerale. Ma anche la miniera principale viene ampliata e approfondita.

Parallelamente alla modernizzazione delle operazioni ci sono i preparativi per la privatizzazione. L’azienda è già stata riorganizzata in una società per azioni e un consiglio di amministrazione. Il business è stato razionalizzato. Parte del problema è separare tutte le parti del business, poiché oltre all’oro la miniera produce anche uranio, oltre ad alcuni altri minerali e metalli. L’uranio complica le cose, poiché la sua produzione e vendita è un’attività regolamentata a livello internazionale, il che la rende problematica da vendere, quindi il business dell’uranio rimarrà in mano allo stato, mentre la parte dell’oro sarà venduta.

Consulenti internazionali e rinnovamento della produzione hanno portato tutto agli standard internazionali, dalla contabilità finanziaria alle pratiche quotidiane di salute e sicurezza sul lavoro.

La decisione finale su come e quando privatizzare la miniera non è stata presa. Un’opzione è quella di fare una doppia quotazione alla Borsa di Tashkent e una borsa internazionale come la Borsa di Londra. Un’altra sarebbe quella di vendere a una quota strategica o almeno di associarsi con una delle principali compagnie minerarie del mondo. Comunque lo stato vorrebbe vendere Nmmc entro i prossimi due anni come parte di una spinta generale per far uscire lo stato dall’economia.

In generale, lo stato intende aprire l’intero settore minerario agli investimenti. Il 6 ottobre l’amministrazione presidenziale uzbeka ha annunciato che per la prima volta, a partire da gennaio del prossimo anno, le licenze per l’esplorazione geologica e la produzione di idrocarburi, metalli non ferrosi e minerali saranno messe all’asta. Le nuove misure includono anche incentivi fiscali per l’uso della terra e del sottosuolo e minori dazi doganali per attirare gli investimenti.

Anna Lotti