Uzekistan: ora è nel libero scambio della CSI

78
UZBEKISTAN – Tashkent. 31/12/13. L’Uzebekistan è diventato il nono paese ad aderire alla zona di libero scambio tra gli ex stati sovietici CSI, grazie alla ratifica del trattato da parte del presidente Islam Karimov.
 
Il protocollo è stato firmato in una riunione tra i primi ministri del Commonwealth degli Stati Indipendenti (CSI ), nella capitale bielorussa di Minsk il 31 maggio 2013. L’accordo è stato approvato dalla Camera bassa del paese del parlamento il 29 novembre, ed è stata approvata dal Senato il 13 dicembre .
L’accordo è stato firmato con alcune (riserve) disposizioni minori che verranno discusse grazie ad accordi bilaterali. Gli esperti locali prevedono che l’economia Uzbekistan trarrà importanti benefici con questa adesione, in modo particolare per quanto concerne la vendita e acquisto di frutta e verdura. 
La Russia rimane un importante partner commerciale con l’Uzbekistan. Gli scambi commerciali tra i due paesi hanno superato i 7 miliardi di dollari nel 2012 . Nel complesso, gli esperti si aspettano ora maggiori investimenti – tra cui quelli dall’Occidente – nell’economia dell’Uzbekistan, per far crescere il il PIL, e diminuire il tasso di disoccupazione del paese. L’Uzbekistan è diventato il nono membro ad aderire al trattato, che è stato firmato da Russia, Ucraina, Bielorussia, Kazakistan, Armenia, Kirghizistan, Moldavia e Tagikistan nell’ottobre 2011. Il trattato prima è entrata in vigore tra Russia, Ucraina e Bielorussia nel settembre 2012. 
 
La zona di zona di libero scambio è stata progettata per ridurre tutte le spese commerciali su un certo numero di merci tra i paesi partecipanti. Fino ad ora Azerbaijan, Uzbekistan, Turkmenistan sono gli unici membri degli 11 a sfruttarlo pienamente. Kirghizistan e Tagikistan hanno firmato l’accordo ma non lo hanno ancora ratificato. I leader della CSI hanno concordato la creazione di una zona di libero scambio nel 1994.