Promosse le banche uzbeke

46

UZBEKISTAN – Taskent. 29/07/13. Il patrimonio del sistema bancario dell’Uzbekistan ammonta a più di 37.000 miliardi di sum. A riferirlo in una nota stampa UzReport. La Banca Centrale della Repubblica dell’Uzbekistan, si è riunita in versione allargata per discutere i risultati delle attività del sistema bancario nel primo semestre di quest’anno, il 16 luglio di quest’anno.

 

La politica monetaria della Banca Centrale, governata da F.Mullazhanov, in corso nella prima metà dell’anno è stata finalizzata a soddisfare gli obiettivi di indicatori macroeconomici, a mettere in pratica i decreti redatti dal capo dello Stato volti a promuovere la riforma del sistema bancario, aumentando la sua stabilità, raggiungere elevati valori di rating internazionali.

E a quanto pare i risultati danno ragione alle scelte di Karimov. «Nel periodo analizzato, vi è stato – si legge nel comunicato della Banca – un lavoro considerevole per aumentare ulteriormente la capitalizzazione del sistema bancario, rafforzare la sua liquidità e la stabilità finanziaria». E gli indicatori soddisfano, secondo il comunicato della banca centrale uzbeka gli indicatori internazionali e a volte li superano.

In particolare, l’attuale livello di coefficiente di adeguatezza patrimoniale del sistema bancario è del 24,3%, che è 3 volte i requisiti minimi attuali del Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria (8%).Questo dato del 1 luglio 2013 ha raggiunto più di 6300 miliardi di sum. Le attività delle banche rispetto allo stesso periodo nel 2012 sono  aumentate del 30,7% e ammontano a più di 37.000 miliardi si sum (circa 13 milioni e 400 mila euro).

Secondo il governatore uzbeko la vigilanza bancaria locale è stata giudicata efficace per gli standard internazionali, il monitoraggio della liquidità e qualità degli attivi hanno permesso banche locali di ricevere valutazioni positive delle principali agenzie di rating. Attualmente, tutte le 29 banche commerciali del paese hanno un rating di “stabile” da tali importanti aziende internazionali di rating come “Moody», «Standard & Poors» e «Fitch Ratings». Quest’anno, 23 banche hanno confermato i rating positivi assegnati per il 2013.

Le banche dall’inizio di quest’anno hanno attuato una conservazione su larga scala misurato il tasso di crescita dell’economia e migliorato la sua competitività, modernizzando i settori di base, rinnovando l’impianto tecnologico.

In particolare, l’importo totale dei prestiti al settore reale dell’economia, è aumentato del 31% e si attesta attualmente a più di 21.300 miliardi sum

Il volume dei crediti a fini di investimento, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, è aumentato di 1,3 volte e, dal 1 ° luglio dell’anno in corso pari a più di 3,4 trilioni di sum.

In corso di ristrutturazione il finanziamento delle imprese insolventi e il miglioramento dei meccanismi di gestione, l’ammodernamento della produzione e innovazione tecnologica ha permesso di ripristinare completamente le attività di produzione di 123 imprese, che sono state poi vendute a nuovi investitori strategici. Queste imprese esportato merci per un valore $ 601.500.000

Nel periodo in esame molti i decreti presidenziali in favore della piccola e media impresa. Di conseguenza, il volume dei prestiti alle piccole imprese rispetto allo stesso periodo dello scorso anno è aumentato di 1,3 volte e pari a 3,7 trilioni di dollari. Aumentato anche il volume del microcredito di 1,4 volte, pari a 775 miliardi sum.

Le banche stanno prestando grande attenzione al coinvolgimento dei giovani, compresi i laureati con specializzazione in economia, le banche finanziano i loro progetti di business. In particolare, in passato, i fondi di finanziamento stanziati ammontano a 54 miliardi di sum, 2,3 volte più elevato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Buono l’andamento delle banche commerciali: «Crescendo le risorse di base, si legge nel comunicato della Banca, è aumentano i livello di capitalizzazione delle banche, insieme al coinvolgimento di capitale privato nel settore dei trend di crescita dei depositi. In particolare, questa figura rispetto allo stesso periodo dello scorso anno è cresciuta del 30,5% e si attesta attualmente a più di 23.100 miliardi di sum»..

La riunione del Consiglio del 16 luglio ha individuato dei nuovi obiettivi come il miglioramento dei servizi interni da attuare nella seconda parte dell’anno.