USA. Washington vuole sanzionare l’alluminio russo

105

Gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di bloccare le importazioni di alluminio russo.

Secondo Reuters e Bloomberg e BneIntelliNews, sebbene la metallurgia russa stia cedendo alle realtà economiche del periodo bellico, alcuni metalli russi sono profondamente radicati nei mercati globali e sono difficili da sanzionare.

A luglio, gli Stati Uniti hanno esentato metalli strategici come l’alluminio grezzo, il palladio, il rodio, il nichel e il titanio da un aumento delle tariffe di importazione.

Secondo i dati commerciali ufficiali, le importazioni di alluminio e nichel russo da parte di Ue e Usa nel periodo marzo-giugno 2022 sono aumentate del 70%, raggiungendo i 2 miliardi di dollari. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea stanno evitando di ripetere le conseguenze delle sanzioni del 2018 sull’alluminio russo nei settori dell’edilizia, dell’auto e dell’energia.

Ma questa volta, come reazione all’ultima escalation della guerra in Ucraina da parte della Russia, gli Stati Uniti potrebbero scegliere tra un divieto generalizzato sulle importazioni di alluminio, aumentando le tariffe così tanto da bloccare di fatto le importazioni, o sanzionare direttamente la major russa dell’alluminio, la Rusal, che a settembre ha messo obbligazioni in Yuan.

La Rusal del miliardario russo Oleg Deripaska è il più grande produttore di alluminio al mondo al di fuori della Cina.

Deripaska e le sue società erano già state oggetto di sanzioni statunitensi per l’annessione della Crimea, ma dopo che il prezzo dell’alluminio è salito del 40% in un giorno al London Metal Exchange in seguito alla mossa, l’Office of Foreign Assets Control degli Stati Uniti ha ritardato l’imposizione delle sanzioni e alla fine si è tirato indietro completamente, rendendo le sanzioni su Deripaska le uniche ad essere state successivamente ritirate da quando il regime è stato introdotto nel 2014.

Lo scorso 13 ottobre Bcs Global Markets ha affermato «Le forniture russe rappresentano circa il 10% delle importazioni totali di alluminio negli Stati Uniti e i dati Bloomberg mostrano che la Russia è stata il terzo esportatore di alluminio negli Stati Uniti nel mese di agosto». La quota degli Stati Uniti nel fatturato totale dell’azienda rappresenta circa il 6%, anche se Bcs Gm ritiene che l’azienda riorienterebbe le forniture statunitensi se il divieto si concretizzasse.

Tuttavia, le sanzioni dirette contro la Rusal complicherebbero le esportazioni anche verso altre destinazioni. All’inizio di questa settimana le autorità statunitensi avrebbero avvertito Rusal e Deripaska arrestando l’uomo d’affari britannico Graham Bonham-Carter con l’accusa di aver cospirato per violare le sanzioni imposte al magnate russo dell’alluminio.

Deripaska è già stato sanzionato dall’Ue e dal Regno Unito nel 2022. L’Australia, il più grande esportatore mondiale di bauxite e allumina, ha annunciato il divieto di esportare queste materie prime in Russia. Il minerale di bauxite e l’allumina sono materiali di partenza per la produzione di alluminio e l’Australia rappresenta circa il 20% della fornitura russa di allumina.

Luigi Medici