USA. Washington vorrebbe portare al Default Mosca: bond non pagabili in dollari

114

Gli Stati Uniti non prorogheranno la Licenza generale 9A (GL9A), che ha permesso allo Stato russo e alle sue società di effettuare il pagamento del servizio del debito in dollari agli investitori internazionali, il che potrebbe provocare una cascata di inadempienze, ha dichiarato il 24 maggio l’Ufficio per il controllo dei beni esteri, Ofac, del Dipartimento del Tesoro statunitense: «L’OFAC non rinnoverà le disposizioni del GL-9A (…) che scadono il 25 maggio 2022 alle 12:01 a.m. EDT», ha dichiarato in un avviso sul suo sito web, come riporta la Tass.

Senza la licenza sarà molto difficile per lo Stato o per le aziende far fronte ai pagamenti degli obblighi di debito, costringendoli al default. Gli investitori temono che, se anche piccole quantità di debito dovessero andare in default, si potrebbe innescare una cascata di default, dato che molte obbligazioni prevedono clausole che permettono ai loro detentori di chiedere il rimborso immediato se altre obbligazioni vanno in default, riportano BneIntellinews e Reuters.

Il GL9A è stato emesso all’inizio di marzo per consentire alla Russia di effettuare pagamenti in dollari sul debito che altrimenti sarebbe stato sanzionato per far fronte ai rimborsi e al pagamento delle cedole. Finora, sia lo Stato che le principali società russe hanno rispettato tutti i loro obblighi, pagandoli nelle valute specificate nei covenant delle obbligazioni, nonostante la minaccia del Cremlino di effettuare i pagamenti in rubli se l’Ofac avesse reso impossibile il pagamento in dollari.

Sebbene il GL9A consenta i pagamenti in dollari, la maggior parte delle società russe che hanno cercato di effettuare i pagamenti dovuti hanno avuto molti problemi. Con l’imposizione di un’ondata dopo l’altra di sanzioni alla Russia, i dipartimenti di compliance delle banche internazionali stanno evitando di far passare attraverso le loro banche qualsiasi transazione associata alla Russia, anche se perfettamente legale.

In seguito all’imposizione di sanzioni Swift, la Russia è stata di fatto esclusa dal sistema di pagamento internazionale, anche se finora solo sette delle oltre 370 banche russe sono state incluse nelle sanzioni Swift.

Sia il Cremlino che le aziende hanno chiarito di voler rispettare i propri obblighi e mantenere il proprio rating creditizio. Lo Stato e le aziende russe sono preoccupati di essere etichettati come inadempienti, in quanto ciò renderà difficile o impossibile raccogliere debito sui mercati internazionali in futuro. Anche se i russi sono stati esclusi dai mercati dei capitali negli Stati Uniti e in Europa, possono ancora rivolgersi ai mercati asiatici come Hong Kong, Singapore e Shanghai, ma anche in questo caso qualsiasi obbligazione emessa sarà valutata tenendo conto dell’etichetta di inadempienza, con un conseguente aumento dei costi.

L’eliminazione dell’esenzione GL9A aumenta notevolmente le possibilità che la Russia sia costretta a fare default sui propri bond. Il prossimo titolo in pagamento è una cedola su un’obbligazione da 26,5 milioni di euro e un’altra su un’obbligazione da 71,25 milioni di dollari, entrambe in scadenza il 27 maggio. L’obbligazione denominata in euro ha disposizioni per il pagamento in sterline e rubli ed è probabile che questo pagamento venga effettuato senza problemi. La tranche in dollari prevede il pagamento in euro, sterline e franchi svizzeri, consentendo così di evitare le sanzioni.

Tuttavia, anticipando i problemi, il ministero delle Finanze russo ha inviato il denaro in anticipo il 20 maggio alla banca di pagamento, ma non è ancora chiaro se gli investitori lo abbiano già ricevuto. Anche altre due obbligazioni per 183,75 milioni di dollari e 51,1 milioni di dollari con scadenza 23 giugno prevedono il pagamento in euro, sterline e franchi, quindi anche in questo caso dovrebbe essere possibile evitare le sanzioni.

La prima obbligazione veramente problematica sarà il pagamento della cedola del 24 giugno su un’obbligazione da 159,4 milioni di dollari con scadenza 2028 che può essere pagata solo in dollari e, se la Russia non ottiene dall’OFAC una licenza speciale per consentire i pagamenti in dollari, è candidata a un default.

Se alla Russia viene impedito di effettuare pagamenti in dollari, il ministero delle Finanze si offrirà di pagare in rubli, cosa che ha già fatto. In effetti, a marzo ha riacquistato un’obbligazione che scadeva il 4 aprile offrendo agli investitori il valore nominale più gli interessi, a patto che accettassero il pagamento in rubli e non in valuta estera. Dato che la maggior parte delle obbligazioni russe è stata profondamente scontata dallo scoppio della guerra, tre quarti degli obbligazionisti (molti dei quali sono entità russe) hanno accettato l’offerta.

La Russia ha circa 75 miliardi di dollari di debito in essere, ma con un debito estero totale di appena il 15% e un’eccedenza delle partite correnti di circa 200 miliardi di dollari prevista per quest’anno, il governo ha abbastanza denaro per coprire i suoi obblighi obbligazionari più volte.

Se l’Ofac costringerà la Russia all’insolvenza – e se l’offerta di pagare gli obblighi in una valuta diversa da quella stabilita nel patto sarà considerata un’insolvenza – il Cremlino ha dichiarato che probabilmente ricorrerà ai tribunali.

Anna Lotti