USA: tra secessionisti, tasse e criminalità. L’esempio di San Bernardino

149

La più grande provincia americana chiede uno stato indipendente. A darne notizia il quotidiano britannico The Daily Telegraph che ha rivelato, in un approfondimento pubblicato lunedì 19 dicembre 2022, che i residenti di San Bernardino, la più grande contea degli Stati Uniti, hanno sostenuto la procedura per separarsi dalla California e trasformarsi in uno stato separato. Gli elettori della contea, che comprende 2,2 milioni di persone, hanno chiesto ai funzionari di studiare la possibilità di secessione.

La secessione è vista come soluzione ultima se la California rifiuta la “giusta quota di risorse statali e federali” a San Bernardino. L’indipendenza dalla California secondo gli esperti USA è esclusa tuttavia il tema dell’indipendenza della California di San Bernardino è un tema ricorrente nella storia statunitense: ci sono stati 220 tentativi di secessione falliti nei 172 anni di storia dello stato.

Tutte queste proposte, che che vogliono aprire la strada al primo nuovo stato negli Stati Uniti dalle Hawaii nel 1959, hanno ottenuto ai seggi elettorali una maggioranza risicata alle elezioni del novembre 2022, con il sostegno a questa mossa del 50,6% dell’elettorato.

Mentre la richiesta di secessione riflette la crescente delusione per la performance di Gavin Newsom, il governatore democratico dello stato, che probabilmente sarà un candidato alla presidenza del 2024 se Joe Biden decide di non candidarsi.

Tra i malcontenti dell’elettorato elevati tassi di criminalità e le tasse elevate e la crescente crisi dei senzatetto. Secondo i dati più recenti, il costo della vita in California è il terzo più alto degli Stati Uniti.

Inoltre, l’imposta sulle vendite della California – al 7,25% – è la più alta degli Stati Uniti e i residenti pagano l’imposta sul reddito e una tassa sul carburante, il che rende la guida molto più costosa che in altre parti del paese.

Poiché i prezzi e le tasse elevati hanno portato a un esodo dallo stato; Secondo il Dipartimento delle finanze della California, 352.000 persone hanno lasciato la California tra aprile 2020 e gennaio 2022. D’altra parte, i californiani si sono trasferiti in stati come l’Idaho, dove il costo della vita è più basso, e alcuni dipendenti remoti si sono persino trasferiti in Messico.

Tra le partenze che hanno influito sullo stile di vita in California quello di Tesla di Elon Musk, che ha trasferito la sede dell’azienda in Messico, così come Sir Nick Clegg, l’ex vice primo ministro, che è tornato a Londra dalla Silicon Valley.

Christine Washington, capo dei Democratici di San Bernardino, ha respinto questa richiesta: «È stata una perdita di tempo per gli elettori inserire questo passaggio in una votazione», ha detto a CBS News. «L’opzione di separarsi effettivamente dallo stato non è nemmeno realistica a causa di tutti i passaggi necessari per raggiungere questo obiettivo», ha sottolineato.

«Molti californiani sono infelici in molti modi», ha detto al Los Angeles Times, Jack Pitney, professore di scienze politiche al Claremont McKenna College. «Votare per la secessione è stato come rompere i piatti», ha detto, «è un modo per attirare l’attenzione, ma alla fine non ottiene molto».

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/