USA. Russia, Cina e Iran festeggiano l’assalto al Campidoglio

223

Russia, Cina e Iran hanno preso in giro gli Stati Uniti dopo l’assalto del Congresso dei sostenitori di Donald Trump. Konstantin Kosachyov, il presidente del comitato per gli affari esteri della camera alta russa, ha detto che gli incredibili eventi nella capitale degli Stati Uniti hanno dimostrato che Washington non ha il diritto di dare lezioni di democrazia agli altri Paesi.

«La parte perdente ha motivi più che sufficienti per accusare il vincitore di falsificazioni – è chiaro che la democrazia americana zoppica su entrambi i piedi. La celebrazione della democrazia è finita. Purtroppo ha toccato il fondo, e lo dico senza un accenno di piacere (…) L’America non è più in grado di tracciare la rotta e quindi non ha più il diritto di impostarla. E, ancor più, di imporla agli altri»», ha detto Kosachyov in un post su Facebook, ripreso da Times of Malta.

Mosca da tempo aveva protestato contro le critiche degli Stati Uniti allo stato della democrazia russa da parte del presidente Vladimir Putin, accusando Washington di ipocrisia e condiscendenza. I commentatori russi hanno indicato il rifiuto di Trump di riconoscere i risultati delle elezioni di novembre, e le crescenti divisioni negli Stati Uniti, come prova del declino del Paese.

La Cina in rete ha deriso la “bella vista” del caos del Campidoglio degli Stati Uniti. La rete Internet cinese si è esaltata dopo che i sostenitori del presidente Donald Trump hanno fatto irruzione nel Campidoglio Usa, paragonando il caos alle proteste antigovernative di Hong Kong del 2019.

Il 7 gennaio, il Global Times ha twittato le foto dei manifestanti di Hong Kong che hanno occupato il complesso del Consiglio legislativo della città nel luglio 2019 e le rivolte del 6 gennaio a Washington: «@SpeakerPelosi una volta ha definito i disordini di Hong Kong “un bello spettacolo da vedere. Resta ancora da vedere se lei dirà lo stesso dei recenti sviluppi a Capitol Hill». Anche la Lega della gioventù comunista cinese ha descritto i disordini come una «bella vista» su Weibo.

L’hashtag “Trump supporters storm US Capitol” si è diffuso il 7 gennaio su Weibo, raccogliendo 230 milioni di visualizzazioni, mentre gli utenti hanno paragonato il sostegno globale ai manifestanti di Hong Kong con la condanna per la mafia pro-Trump: «Attualmente, tutti i leader dei paesi europei hanno mostrato due pesi e due misure e hanno condannato la rivolta di Washington. Non so che tipo di reportage a doppio standard saranno portati avanti dai media di Hong Kong o Taiwan questa volta»: recita un post su Weibo che ha ottenuto oltre 5.000 like.

Il presidente iraniano Rouhani ha detto che la democrazia occidentale è «fragile, e vulnerabile». Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha detto giovedì che il caos scatenato in Campidoglio dai sostenitori della controparte statunitense Donald Trump ha messo in luce la fragilità della democrazia occidentale. “Quello che abbiamo visto negli Stati Uniti mercoledì sera e oggi dimostra soprattutto quanto sia fragile e vulnerabile la democrazia occidentale», ha detto Rouhani in un discorso trasmesso dalla televisione di stato.

Antonio Albanese