USA. Nuovo fallimento per l’ipersonico che non tiene il passo cinese e russo

139

Un test di volo effettuato il 29 giugno di un nuovo missile ipersonico Usa è fallito a causa di problemi nel sistema di accensione del corpo “slitta”.

Secondo quanto riporta Defense Post, il test del Common Hypersonic Glide Body è stato condotto presso il Pacific Missile Range delle Hawaii, dove l’arma avrebbe dovuto essere lanciata con un grande razzo booster.

Il governo statunitense descrive il Common Hypersonic Glide Body come un razzo booster per accelerare oltre la velocità di Mach 5 prima del distacco. L’arma è altamente manovrabile, il che la rende difficile da intercettare, e distrugge i bersagli con la forza d’urto della sua velocità. I rapporti indicano che gli Stati Uniti intendono impiegare l’arma sui loro cacciatorpediniere della classe Zumwalt e sui sottomarini della classe Virginia.

Tuttavia, riporta Bloomberg, in una mail del Dipartimento della Difesa statunitense si legge che «si è verificata un’anomalia in seguito all’accensione del dispositivo di prova» e che sono in corso i controlli. Questo fallimento segna il secondo volo di prova non riuscito del prototipo di arma ipersonica Conventional Prompt Strike. Il precedente guasto al booster, avvenuto lo scorso ottobre, ha impedito al missile di lasciare la rampa di lancio. La progettazione altamente complessa degli ipersonici di fabbricazione statunitense potrebbe essere la causa dei fallimenti dei test, riporta AT.

Il quotidiano russo Izvestia, riporta che il design a due stadi dell’arma ipersonica statunitense Conventional Prompt Strike suggerisce un progetto inutilmente complicato che richiede una corretta integrazione di più sottosistemi e quindi numerosi test e fallimenti. Al contrario, il missile ipersonico russo Zircon non richiede un secondo stadio per funzionare con successo.

Altre potenziali cause di fallimento del progetto sono la fretta nei test, la cattiva gestione del progetto e la banalizzazione dei guasti. Defense One afferma che: «Questi programmi stanno perseguendo programmi molto aggressivi, ma non sono supportati dallo stato della pianificazione e dei test (…) l’urgenza percepita della necessità di questi sistemi ha portato ad alti livelli di rischio che hanno portato a ritardi nello spiegamento (…) I fallimenti sono stati causati da carenze nella progettazione, nella pianificazione dei test e nei test pre-volo, da una cattiva fabbricazione, da una cattiva gestione e dalla mancanza di una rigorosa supervisione da parte del governo (…) La tendenza del governo e dei responsabili del programma a banalizzare le cause di questi costosi fallimenti, combinata con un calendario aggressivo (…) ha portato a una “corsa al fallimento”».

I successivi fallimenti dei test hanno suscitato il timore che gli Stati Uniti non riescano a tenere il passo con i programmi di armi ipersoniche di Cina e Russia, spingendo i vertici statunitensi ad agire in tal senso.

Lo scorso marzo, l’Arms Control Association ha riferito che il Segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha incontrato a febbraio più di una dozzina di dirigenti del settore ipersonico di aziende della difesa come Raytheon Technologies, Lockheed Martin, Northrop Grumman, Boeing, L3Harris e BAE Systems per accelerare e migliorare lo sviluppo di armi ipersoniche.

La riunione sarebbe stata convocata a causa della convinzione del Segretario Austin che le proposte di bilancio per il 2023 fossero insufficienti per consentire agli Stati Uniti di tenere il passo con Cina e Russia.

L’urgenza di accelerare lo sviluppo di armi ipersoniche arriva nonostante le domande senza risposta sui costi complessivi, sulla missione e sulla quantità necessaria di armi ipersoniche statunitensi, che portano a un approccio costoso di test e fallimenti.

In contrasto Cina e Russia hanno fatto progredire costantemente i rispettivi programmi di armi ipersoniche. A ottobre, la Reuters ha riferito che la Cina ha testato un’arma ipersonica che sembrava essere un sistema in orbita intorno alla Terra, progettato appositamente per eludere le difese missilistiche statunitensi. L’arma di bombardamento orbitale è come una navetta spaziale che trasporta un’arma nucleare nella sua stiva. La Russia, nel frattempo, potrebbe essere diventata il primo Paese a utilizzare armi ipersoniche durante un’azione militare: il Kinzhal lanciato su obiettivi in Ucraina.

Tommaso Dal Passo