USA. Mosca non è una economia di mercato: via dall’OMC

157

Gli Stati Uniti hanno revocato il riconoscimento della Russia come economia di mercato, ha dichiarato il 10 novembre il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, con un conseguente aumento dei dazi all’importazione sulle merci russe.

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti determina il margine di dumping, ovvero la misura in cui il prodotto viene venduto a un prezzo inferiore al valore equo, confrontando i prezzi all’esportazione con quelli del Paese esportatore come parametro di riferimento, se questo ha un’economia di mercato. Se invece il Paese esportatore è considerato “non di mercato”, il Dipartimento del Commercio è libero di utilizzare come termine di paragone i prezzi del prodotto in qualsiasi Paese del mondo; in effetti, può utilizzare i prezzi più alti del mondo come parametro comparativo e fissare di conseguenza i dazi all’importazione sui prodotti russi, riporta BneIntelliNews.

Gli Stati Uniti hanno riconosciuto la Russia come economia di mercato nel 2002, dopo anni di pressioni. In precedenza, gli Stati Uniti si erano rifiutati di riconoscere la Russia come economia di mercato, sostenendo che le sovvenzioni statali sotto forma di accesso all’energia a basso costo conferivano a tutti i prodotti russi un vantaggio competitivo sleale che giustificava tariffe d’importazione più elevate sui prodotti russi.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno bloccato per 14 anni l’ingresso della Russia nell’Organizzazione mondiale del commercio a causa di obiezioni simili. La Russia ha infine aderito all’Omc nel 2012 e stava per aprire i suoi mercati alle importazioni quando, un anno dopo, ha annesso la Crimea e ha imposto controsanzioni sui prodotti agricoli dell’UE nell’ambito di un regime di sanzioni rappresaglia, abbandonando di fatto le regole commerciali dell’Omc.

Il ritorno allo status di paese non appartenente al mercato è l’ultimo di una serie di sanzioni e di altre punizioni economiche imposte alla Russia dall’invasione dell’Ucraina alla fine di febbraio, che ha raggiunto nove pacchetti di sanzioni.

Il Dipartimento del Commercio ha dichiarato che c’è un “ampio” coinvolgimento del governo nell’economia russa che ha dato ancora una volta alle sue aziende un ingiusto vantaggio di costo rispetto alle economie basate sul mercato e dubita che le aziende russe stiano prezzando in modo equo le importazioni negli Stati Uniti, riporta Reuters: «Questa decisione dà agli Stati Uniti la possibilità di applicare tutta la forza della legge antidumping statunitense per affrontare le distorsioni del mercato causate dalla crescente interferenza del governo russo nella loro economia».

In una mossa correlata, gli Stati Uniti hanno chiesto l’espulsione della Russia dall’Omc, dove Mosca potrebbe in teoria opporsi alla decisione degli Stati Uniti di rimuovere il suo status di mercato.

La Camera di Commercio Americana in Russia ha avvertito lo stesso giorno che Mosca probabilmente contesterà qualsiasi tentativo di privare la Russia della sua appartenenza all’Omc nel processo di appello dell’Omc.

Il 30 luglio, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti aveva avviato un’indagine sullo status di economia di mercato della Russia, citando lamentele sulle vendite di fertilizzanti russi a base di urea e nitrato di ammonio negli Stati Uniti «a un prezzo inferiore al valore equo». La Russia è il più grande esportatore di fertilizzanti al mondo.

«Se la decisione, alla fine, si rivelerà sfavorevole per la Russia, questa potrà impugnarla in sede di OMC», aveva dichiarato ad agosto la Camera di Commercio Americana in Russia, ripresa da Reuters.

È improbabile che il cambiamento di status abbia un grande impatto sul commercio russo, dal momento che gli Stati Uniti rappresentano solo il 4% del commercio estero della Russia, contro il 40% circa destinato all’Ue. Secondo i dati del Dipartimento del Commercio, tra gennaio e settembre gli Stati Uniti hanno importato 12,5 miliardi di dollari di merci russe, quasi la metà rispetto all’anno precedente.

Gli Stati Uniti considerano 11 Paesi come economie non di mercato, tra cui Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Cina, Georgia, Kirghizistan, Moldavia, Tagikistan, Turkmenistan, Uzbekistan e Vietnam.

Antonio Albanese