USA. Mancano i macchinari per fabbricare munizioni

291

La mancanza di macchine utensili sta limitando la capacità degli Stati Uniti di aumentare i trasferimenti di munizioni all’Ucraina, ha dichiarato il 3 marzo il principale acquirente di armi dell’esercito.

I tempi per l’acquisizione di nuove macchine utensili “sono spesso la maggiore difficoltà”, ha dichiarato Douglas Bush, assistente del Segretario dell’Esercito per l’Acquisizione, la Logistica e la Tecnologia. «Queste macchine sono grandi come edifici. Non si possono semplicemente comprare e mettere in un parcheggio da qualche parte».

La produzione di munizioni per artiglieria da parte degli Stati Uniti e degli alleati è emersa come un problema chiave per rifornire l’Ucraina, che consuma migliaia di proiettili al giorno per combattere l’invasione russa. «L’Ucraina potrebbe perdere la guerra se non ricevesse abbastanza rifornimenti», ha dichiarato il 20 febbraio il capo della politica estera dell’Unione Europea Josep Borrel.

Ottenere le materie prime potrebbe essere un problema, ma non ancora, ha detto Bush durante un evento organizzato dal Center for Strategic and International Studies.

Gli Stati Uniti dispongono già di grandi scorte di alcune materie prime fondamentali, come i precursori chimici degli esplosivi, ha detto Bush. Ma la quantità di altre materie prime che gli Stati Uniti dovrebbero tenere in riserva è una questione aperta. «Il problema è proprio quello di fare scorte», ha detto Bush, «si tratta di capire quanto ci si può permettere di fare».

Gli Stati Uniti non hanno carenza di materie prime utilizzate per la produzione di proiettili d’artiglieria, ha aggiunto Bush, citando forniture di acciaio più che sufficienti.

Bush ha anche sottolineato che le capacità produttive degli alleati potrebbero ridurre lo stress della produzione statunitense, citando l’interesse polacco per la produzione del Javelin, e l’interesse australiano per la produzione di munizioni a guida di precisione.

Gli Stati Uniti hanno già fornito grandi quantità di munizioni di artiglieria all’Ucraina, inviando più di un milione di proiettili da 155 mm, secondo il Center for Strategic and International Studies. Le munizioni alimentano i pezzi di artiglieria donati all’Ucraina dagli Stati Uniti e dagli alleati della NATO. Venerdì scorso, il Dipartimento della Difesa ha annunciato un’altra tranche di aiuti militari all’Ucraina che comprende proiettili di artiglieria da 155 mm.

Nell’aprile del 2022, funzionari statunitensi hanno dichiarato che stavano aumentando la produzione di proiettili da 155 mm, il calibro più comune delle armi di artiglieria statunitensi e della NATO inviate all’Ucraina. La produzione dovrebbe salire a 20.000 proiettili al mese entro la primavera del 2023 e a 40.000 al mese entro il 2025, ha dichiarato il Segretario dell’Esercito Christine Wormuth.

Anche questo ritmo, tuttavia, potrebbe non essere sufficiente a sostenere l’Ucraina e a mantenere le scorte statunitensi pronte per altre guerre in tutto il mondo.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/