USA: nuova bolla immobiliare

80

USA – Washington. 10/11/13. Secondo il giornale russo Pravda negli Usa sta per scoppiare una ennesima bolla immobiliare. Ma fanno paura anche Russia e Cina.

Il campanello d’allarme secondo gli analisti stranieri è l’improvviso aumento dei prezzi delle case. «A giudicare da come vivacemente sono saliti i prezzi delle case nelle più grandi economie del mondo – Cina e Stati Uniti – il mutuo “bolla” potrebbe scoppiare presto». Si legge sulla testata russa. Nonostante questo, il numero di pignoramenti negli Stati Uniti è in costante crescita. Il volume dei beni abbandonati è iniziato a crescere rapidamente in alcuni distretti degli Stati Uniti nel mese di settembre di quest’anno. Come sei anni fa, molte case sono state abbandonate dopo che i titolari di mutuo non sono riusciti a pagare le rate del mutuo. Come nel 2007. Gli esperti hanno già cominciato a parlare di ennesima crisi della bolla sul mercato immobiliare e già tutti temono la crisi globale. 

I timori degli esperti occidentali sono basate su l’aumento del costo delle abitazioni nei paesi nelle maggiori economie – gli Stati Uniti e Cina. Per esempio, in Cina, l’aumento dei prezzi su nuove case ha raggiunto 10,5-11 per cento rispetto all’anno precedente, secondo alcune società di ricerca. Negli Stati Uniti, a partire da agosto 2012 ad agosto 2013, i prezzi delle case sono aumentati del 12,8 per cento, e si avvicinarono alla vetta, che ha annunciato la crisi precedente. La domanda di immobili rimane alto sullo sfondo del credito ipotecario leale. 

«In linea generale, le vendite di case sono sempre state un indicatore dell’andamento dell’economia post crisi. Un aumento dei prezzi delle abitazioni, l’attivazione del mercato immobiliare, l’aumento della domanda di abitazioni, è sempre stato visto come un fenomeno positivo. Apparentemente, questa è una conclusione di ciò che si vede oggi, – afferma il vice direttore dell’Istituto per gli USA e il Canada, Valery Garbuzov a Pravda.Ru». «Ma d’altra parte, tutto questo è molto legata al mutuo e allo sviluppo dei mutui. E, naturalmente, ci sono timori che possa ripresentarsi la situazione che è apparso diversi anni fa. Anche in questo caso, ci sarà una crisi, causata da questa disorganizzazione sui mutui ipotecari che ancora non sono regolamentati. Molti esperti credono che questo sia un rischio». 

«Allo stesso tempo, la situazione nel 2008 non è replicabile. Continua l’esperto. La maggior parte degli analisti concordano sul fatto che la quantità di notizie positive in termini di mercato immobiliare superi i rischi». Lo Stato USA non ha molti modi per influenzare il mercato e l’economia. In sostanza, è il Federal Reserve System, che, aumentando o abbassando i tassi di interesse, è in grado di influenzare l’economia e aumentare il potere d’acquisto della popolazione, migliorando l’attività economica». Riferisce l’analista.

Mentre negli USA si prospetta una nuova bolla investigativa, in Russia, l’alloggio diventa sempre oneroso. Gli esperti, tuttavia, dicono che il mercato immobiliare russo dipende dal tasso di inflazione, e, a differenza degli Stati Uniti, in cui si può verificare una crisi dei mutui, non ci sono limiti per la crescita dei prezzi in Russia. «Non c’è limite a questo processo per una semplice ragione – l’inflazione, – dice il presidente del Moscow Guild of Realtors, presidente del consiglio di amministrazione di Best Immobiliare, Grigory Poltorak -. In Russia, il tasso di inflazione è superiore a altri paesi. E i prezzi crescono perché il denaro è sempre più conveniente, c’è una legge economica. Nel lungo termine, ci sono valute oggetto inflazione. Il denaro perde valore e il prezzo sale. Con questo stato di cose , direi che i prezzi degli immobili in Russia non stanno crescendo per tutti». 

In realtà i due sistemi economici dipendono, implicitamente l’uno dall’altro. Il sistema bancario, assicurativo, finanziario oramai è molto ridotto. E a governare il flusso di danaro sono pochi grandi gruppi. Il mondo assicurativo per esempio è diviso per cinque. E se è vero che negli USA non sono state imposte regole al mercato finanziario, e quindi le bolle speculative, in assenza di regole, si presenteranno a ruota, e sempre più spesso. La Russia ha il problema della liquidità economica e della moneta estremamente volatile. Non è un caso che molte contrattazioni in territorio russo avvengano in dollari. Sintomo questo di una instabilità anche finanziaria. Perché comunque la moneta corrente è il rublo. Questo crea nelle due parti opposte del globo delle disarmonie finanziarie che prima o poi diventano evidenti e laceranti. 

Non solo, a preoccupare dovrebbe essere il nuovo sistema Cina. Pechino dopo aver lanciato due nuove grandi piazze di “Borse”, dopo aver creato una propria agenzia di Rating, ha cominciato a emettere titoli di debito. Imitando il modello finanziario statunitense. Questo significa che la speculazione finanziaria presto prevarrà sull’economia reale creando una voragine nel sistema economico – Cina. Con un problema in più. L’instabilità del mercato interno cinese. La Cina ha ancora intere regioni che vivono di “sussistenza assistita”, deve affrontare il problema inquinamento e sanità, che sono strettamente correlati, e ancora far fronte alla politica del figlio unico degli ultimi 30 anni che porterà questo Paese a un punto in cui i “vecchi” saranno più dei giovani. E quando ciò accadrà sarà anche il momento in cui la “produzione di debito” sarà più elevata di quella del PIl.