Ex militare USA cerca di unirsi a ISIS

44

STATI UNITI D’AMERICA – Washington 18/03/2015. Un ex meccanico dell’èUS Air Force è stato formalmente accusato di aver tentato di unirsi allo Stato islamico in Siria.

Lo ha annunciato il Dipartimento di Giustizia il 17 marzo. L’imputato è Tairod Nathan Webster Pugh, un quarantasettenne cittadino degli Stati Uniti che è stato sotto le armi come specialista avionico nella Air Force tra il 1986 e il 1990. Pugh è accusato di «aver cercato di fornire sostegno materiale» allo Stato Islamico e di aver ostacolato la giustizia cercando di distruggere le prove. «Nato e cresciuto negli Stati Uniti, Pugh avrebbe voltato le spalle al suo paese e avrebbe tentato di recarsi in Siria per arruolarsi nello Stato Islamico», ha detto il candidato del presidente Barack Obama per l’incarico di procuratore generale, Loretta E. Lynch, oggi procuratore degli Stati Uniti nel Distretto Orientale di New York. «Continueremo a perseguire con vigore gli estremisti, sia qui o all’estero, per fermarli prima che siano in grado di minacciare gli Stati Uniti e i suoi alleati», ha aggiunto Lynch. I documenti riportano che Pugh ha effettuato la sua adesione e illusa tentativo di recarsi in Siria tra maggio 2014 e il gennaio di quest’anno. Le autorità affermano che l’imputato abbia volato il 10 gennaio dall’Egitto alla Turchia per unirsi ai jihadisti in Siria dopo aver perso il suo lavoro come meccanico aeronautico in Medio Oriente. Pugh fu arrestato in Turchia e poi portato in Egitto e quindi da qui estradato negli Stati Uniti, dove è stato arrestato il 16 gennaio. Prima del suo arresto, Pugh ha cercato di distruggere quattro chiavette Usb che, dicono gli investigatori, dimostrano che abbia consultato siti internet per trovare i valichi di confine tra Siria e Turchia controllate dallo Stato Islamico e che abbia scaricato video che mostrano esecuzioni fatte da Daash. Se trovato colpevole, Pugh rischia fino a 35 anni di carcere.