USA. È la fine dell’Impero USA? Trump come Commodo?

60
Screenshot

Il ministro degli Esteri polacco Radosław Sikorski ha lanciato quello che sembrava essere un attacco al presidente degli Stati Uniti Joe Biden tracciando un parallelo tra la sua performance nel dibattito contro Donald Trump e il declino dell’impero romano.

Sikorski ha postato venerdì mattina su X: “È importante gestire la propria corsa fino al tramonto”, poche ore dopo che l’incerto dibattito di Biden aveva portato a crescenti richieste di ritirarsi dalla corsa per un secondo mandato alla Casa Bianca, riporta Politico.

Sikorski ha tracciato un criptico parallelo con l’imperatore romano Marco Aurelio, definendolo “un grande imperatore” che “ha rovinato la sua successione” passando il testimone a suo figlio, Commodo, il cui “governo disastroso ha dato inizio al declino di Roma”.

L’idea popolare secondo cui il regno di Marco Aurelio segnò la fine dei giorni di gloria di Roma risale allo storico antico Cassio Dione, il quale disse che la fine del suo regno segnò la transizione “da un regno d’oro a uno di ferro e ruggine”.

Proseguendo su questa linea, viene all mente il famoso scambio di battute fra Commodo e Ispanico, Decio Massimo Meridio, ne il Gladiatore

Commodo: Il generale che divenne schiavo. Lo schiavo che divenne gladiatore. Il gladiatore che sfidò un imperatore. Storia sorprendente! Ma ora la gente vuole sapere come finisce la storia. Solo una morte famosa basterà. E cosa potrebbe esserci di più glorioso che sfidare l’Imperatore stesso nella grande arena?

Massimo: Combatteresti con me?

Commodo: Perché no? Pensi che io abbia paura?

Massimo: Penso che tu abbia avuto paura per tutta la vita”. 

L’esibizione del dibattito di Biden nelle prime ore di venerdì scorso è stata a volte incomprensibile con una voce roca, occhi vaganti, carnagione pallida e un discorso incerto, suscitando orrore tra gli operatori democrat i media europei.

Per Sikorski, gli ultimi commenti non sono la prima volta che suscita polemiche sui social media.

Nel settembre 2022 ha twittato una foto del gasdotto Nord Stream danneggiato e l’ha intitolata “Grazie, USA”, accusando apparentemente gli Stati Uniti di essere coinvolti nel sabotaggio del gasdotto Russia-Europa e guadagnandosi un rimprovero da parte del suo stesso partito. Successivamente ha cancellato quel tweet, ma questo tweet a quanto pare è ancora lì.

Luigi Medici 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/