USA. Continua sui media la guerra commerciale con la Cina

135

La guerra commerciale Cina – Stati Uniti continua e nessuno vuole assumersi la responsabilità per quanto sta accadendo. E a distanza si registra un botta e risposta tra le due amministrazioni.

Gli USA stanno utilizzando tutti i media pro Trump per dimostrare al mondo la bontà delle loro azioni. Protagonista assoluta, di questa propaganda pro USA, la CNBC. 

L’emittente ha dato spazio a una lunga intervista di Steve Bannon, il quale ha sostenuto le azioni di Trump contro al Cina. Poi è toccato a Peter Navarro, direttore del Consiglio nazionale del commercio di Trump che dalla stessa emittente ha riferito: «Gioco a somma zero» tra la Cina e il resto del mondo quando si tratta di commercio. «Dobbiamo difenderci», ha detto giovedì Navarro allo “Squawk Box” della CNBC. 

Navarro, d’altra parte, è noto per le sue posizioni di falco economico sulla Cina. E quindi, dal punto di vista statunitense, sembra che l’unica soluzione per gli USA siano i dazi. 

Navarro ha chiamato in causa il furto cinese della proprietà intellettuale statunitense sulla tecnologia: «Stanno attaccando i nostri gioielli della corona».

Trump ha minacciato di imporre nuove tariffe su 200 miliardi dollari di prodotti provenienti dalla Cina, minacciando di cambiare le norme sulla proprietà intellettuale. Larry Kudlow, Capo del Consiglio economico della Casa Bianca, ha detto il 18 luglio che il Presidente cinese Xi Jinping stava bloccando i progressi e che si rifiuta di modificare le sue posizioni sulle politiche commerciali del suo paese. E, ancora, ha affermato Kudlow che la Cina dovrebbe assumersi la responsabilità di questo. La Cina potrebbe porre fine alle tariffe statunitensi fornendo un approccio più soddisfacente.

In risposta alle parole di Larry Kudlow, sono arrivate le parole del portavoce del Ministero degli Esteri Hua Chunying, secondo cui Kudlow ha distorto i fatti ed è sorprendente e al di là di ogni immaginazione, pubblicato da Xinhua net.

Gli Stati Uniti hanno preso decisioni arbitrarie e irragionevoli e hanno adottato comportamenti screditabili: queste sarebbero le motivazioni della controversia, ha detto Hua.

La Cina ha fatto il massimo sforzo per spingere per una risoluzione della questione attraverso il dialogo e la consultazione per evitare l’escalation della controversia commerciale, ha detto Hua.

Il comportamento degli Stati Uniti può solo seriamente danneggiare la propria reputazione, ed è del tutto inutile per risolvere il problema, ha detto.

«Abbiamo fiducia e capacità sufficienti per salvaguardare i nostri interessi legittimi, e fare sforzi congiunti con altri paesi per mantenere le regole internazionali e il sistema commerciale multilaterale», ha detto Hua.

Antonio Albanese