Lacrime di coccodrillo al Congresso

59

USA – Washington. 01/10/13. Nonostante le parole di Obama al mondo, l’ennesima crisi economica statunitense, dovuta alle bocciature del Congresso era scontata. Cinque giorni prima della scadenza dell’approvazione o bocciatura della legge di finanziamento, il deficit dello stato per cui si chiedeva una sovvenzione ammontava a 4.000 miliardi.

Ma a far crollare il castello di debiti americani, l’unico paese al mondo che si può permettere il 450% di debito procapite, non è stata la cifra astronomica, ma ancora una volta l’insoddisfazione per la nuova legge sanitaria. Ted Cruz, senatore del Texas, ha tenuto il dibattito aperto per 21 ore. Secondo il senatore gli USA non possono sovvenzionare milioni di americani senza assicurazione sanitaria. 

A quanto pare il Gigante malato nonostante l’approvazione della norma sanitaria in realtà non è in grado di sostenere la spesa. E i repubblicani puntano a un equilibrio tra tasse incassate e spesa pubblica. 

Anche se in realtà non si capisce che tipo di equilibrio. A far prevedere il il no del congresso le parole di “Douglas Elmendorf, capo del Congressional Budget Office che ha detto in una conferenza stampa la scorsa settimana . «Il bilancio federale è in rotta e non può essere sostenuta indefinitamente» 

Gli USA dal 2007 non crescono e dal fallimento di Lehman Brothers, che con effetto domino ha scoperto i buchi della finanza creativa, non sono riusciti a dare una svolta al sistema economico mentre la finanza continua a essere senza regole. 

Gli USA «Non sono mai usciti da una recessione e con tali riduzioni del disavanzo i dati sono drammatici», ha detto Josh Gordon, direttore della politica presso Concord Coalition, un gruppo di controllo di bilancio indipendente . «Ma varranno molto poco se le riduzioni del disavanzo a breve termine non vengono legate in alcun modo alla preparazione per le sfide a lungo termine. Davvero brutta politica fiscale».

Per l’anno fiscale in corso, che si concluderà il 1 ° ottobre divario della spesa del governo federale si è ridotto di oltre un terzo, a poco più di 600 miliardi dollari da circa 1.000 miliardi dollari di un anno fa. Mentre l’economia è cresciuta, il disavanzo è sceso anche in relazione al prodotto interno lordo di un punto di riferimento ampiamente usato della politica di spesa .

Parte del miglioramento deriva dal compromesso di quest’anno di aumenti fiscali e tagli alla spesa, che ha rallentato la crescita della spesa federale di 85 miliardi dollari (ed è impostato per tagliare altri $ 20 miliardi di dollari per il prossimo anno fiscale inizio nel mese di ottobre) .

Il resto è stato una serie di più o di meno di colpi di fortuna, tra cui un maggior gettito non calcolato. Il Tesoro, per esempio, ha visto un aumento delle tasse alla fine dell’anno scorso, in quanto gli investitori pur di evitare ulteriori aumenti delle tasse nel 2013 hanno preferito anticipare i pagamenti. Lo Zio Sam ha anche avuto una sorpresa: un dividendo dai giganti dei mutui Fannie Mae e Freddie Mac, dati per morti da molto tempo.

I Democratici hanno proposto la chiusura del gap di bilancio con ulteriori aumenti delle tasse, che sono stati una grande forza trainante per la riduzione del deficit di quest’anno. Ma le maggiori imposte sui salari Congresso ha approvato all’inizio dell’anno hanno già dimostrato di essere un peso significativo sulla spesa dei consumatori, che ha trattenuto la ripresa economica.

Rimane comunque il nodo della Social Security e Medicare, che costa 62 centesimi per ogni dollaro di tasse. In ogni caso, il vero impatto della legge è quasi impossibile da prevedere, perché molto dipende da quante persone si registrano, quali tipi di datori di lavoro decidono di darti copertura, etc..

I nuovi dati economico-finanziari mostrano che l’economia americana sta ancora lottando per rimettersi in piedi dopo cinque anni da una delle più profonde recessioni del secolo. Il CBO ha recentemente stimato che l’attuale piano di taglio del deficit, emanata nel 2011, dovrà tagliare  altri 104 miliardi dollari nel corso dei prossimi 12 mesi, il tracciato è di circa 0,7 per cento della crescita annuale del PIL ad un costo di circa 900.000 nuovi posti di lavoro. Quei tagli aiuteranno a ridurre il deficit ulteriormente – da circa il 4 per cento del Pil di quest’anno al 2 per cento nel 2015  stima il CBO.

Per bilanciare completamente la parte discrezionale del bilancio, il Congresso avrebbe dovuto tagliare circa sette volte i già dolorosi tagli o l’equivalente o quasi il 4 per cento del PIL. 

Non importa quanto in profondità si effettuano tagli nel breve termine, rimangono da risolvere i problemi nel lungo termine, l’aumento dei deficit come la generazione del baby boom di invecchiamento attinge più pesantemente sui fondi di sicurezza sociale e Medicare. Secondo la CBO senza modifiche a tali programmi, il deficit raggiungerà quasi il 3,5 per cento del PIL entro il 2023 e ha e il 6,4 per cento entro il 2038.