USA. Cloud separato per le operazioni nell’Indo-Pacifico

75

Lo Us Army sta creando la sua prima “nuvola” al di fuori degli Stati Uniti precisamente nell’area dell’Indo-Pacifico, una mossa che gli permetterà di integrare i servizi cloud in tutti gli aspetti della sperimentazione nella regione.

L’esercito Usa vuole fornire capacità tattiche di cloud alle sue Task Force multidominio nella regione indopacifica e alla Joint Base Lewis-McChord, Jblm, nello stato di Washington quest’anno, mentre prepara le sue reti per operazioni multidominio, riporta BreakingDefence.

Il Chief Information Officer dell’Esercito Usa Raj Iyer ha detto che l’esercito sta anche progettando di fornire più capacità cloud e altre tecnologie, compresi i satelliti a orbita bassa e media, a Jblm nel tentativo di aumentare la resilienza durante lo scambio di grandi volumi di dati dagli “angoli strategici” al confine tattico, cioè dal centro ai teatri di interesse.

«Quest’anno, ha detto Iyer, il servizio sta adottando un approccio incentrato sui dati per migrare le applicazioni nel cloud, dove lo spostamento delle applicazioni nel cloud stesso non è l’obiettivo finale. Piuttosto, l’esercito deve assicurarsi di essere in grado di “raccogliere i dati in quelle applicazioni e in quei sistemi”. “Quindi non si tratta solo dei modi tradizionali di estrarre i dati. Si tratta ora di arrivare a un’architettura guidata da Api (Application Programming Interface) per costruire un ambiente informatico per il posto di comando del futuro… Ora stiamo lavorando attivamente con le unità in cui stiamo permettendo loro di sperimentare minacce alla missione e scenari operativi utilizzando la capacità nel cloud e sulle piattaforme che abbiamo stabilito», ha detto Iyer.

Queste unità includono la 82esima divisione aviotrasportata, la 101esima divisione aviotrasportata e il XVIII corpo aviotrasportato. Il Command Post Computing Environment, una suite di comando di missione centralizzata che consiste in un gruppo di server e software, è uno dei principali sforzi dell’esercito Usa nel consolidare grandi quantità di dati in un quadro operativo comune.

Iyer ha detto che l’Esercito Usa prevede di lavorare con vari uffici di programma dell’esercito e partner per capire come “essere molto più veloce nello stabilire ambienti di comando di missione e di essere in grado di portare grandi volumi di dati attraverso più livelli di classificazione in un unico quadro operativo comune per il comandante per il processo decisionale”.

Maddalena Ingrao