USA. Carri laser per abbattere droni ed elicotteri

281

Il futuro delle operazioni di difesa aerea a corto raggio dell’esercito Usa potrebbe coinvolgere laser ad alta potenza che abbattono droni, elicotteri e colpi di mortaio. Il sistema Directed Energy Maneuver Short Range Air Defense – DE M-SHORAD – è un’arma laser da 50 kilowatt montata su un veicolo di fanteria Stryker. Invece di un missile Stinger, lancia un fascio di energia ad alta potenza diretto verso un bersaglio.

Stando a Task and Purpose, i primi sistemi saranno consegnati a Fort Sill, Oklahoma, nel settembre 2022, dove poi inizieranno ulteriori test al White Sands Missile Range nel New Mexico, secondo il Rapid Capabilities and Critical Technologies Office dello Us Army.

Il DE M-SHORAD è una delle diverse armi laser che l’esercito ha iniziato a mettere in campo negli ultimi anni. Nel 2018, i soldati del 2° reggimento di cavalleria stavano testando il Mobile Expeditionary High Energy Laser presso l’area di addestramento di Grafenwoehr in Germania. A soli 5 kilowatt, però, quel sistema era solo un decimo della potenza del DE M-SHORAD.

A luglio 2021, l’esercito Usa ha testato due armi a energia diretta in quello che ha soprannominato uno “shoot-off di combattimento” a Fort Sill. Lì, i sistemi di Northrop Grumman e Raytheon hanno partecipato a «una serie di manovre progettate per emulare minacce realistiche e scenari di combattimento», si leggeva in una dichiarazione.

L’esercito sta mettendo i laser sugli Stryker abbastanza potenti da abbattere droni ed elicotteri

Il DE M-SHORAD combat shoot-off ha avuto luogo a Fort Sill, Oklahoma questa estate.

Gli Stryker dotati di laser «hanno affrontato una serie di scenari realistici progettati per stabilire, per la prima volta nell’esercito, le caratteristiche desiderate per i futuri sistemi DE M-SHORAD», si legge nel comunicato dell’esercito.

Il generale L. Neil Thurgood, direttore per l’ipersonica, l’energia diretta, lo spazio e l’acquisizione rapida, lo ha descritto come «la prima applicazione di combattimento dei laser per un elemento di manovra nell’esercito». Avendo stabilito un progetto di Raytheon e dell’appaltatore Kord Technologies, il prototipo è attualmente sottoposto a ulteriori test e l’esercito prevede di mettere in campo quattro Stryker equipaggiati con laser a partire da settembre.

L’idea è passare ai laser per una questione di portanza: l’artiglieria pesa molto, la luce no: «Trasportare piombo ed esplosivi pesanti richiede un sacco di logistica ed è molto costoso (…) Con i laser a stato solido, tutto ciò di cui avete bisogno è una grande fornitura di batterie, che, nel caso del sistema d’arma DE M-SHORAD, è già integrata sul veicolo Stryker», riporta Popular Mechanics.

L’esercito Usa sta mettendo laser su Stryker abbastanza potenti da abbattere droni ed elicotteri

Il sistema Directed Energy Maneuver Short Range Air Defense è un’arma laser da 50 kilowatt montata su un veicolo da trasporto di fanteria Stryker. Le armi a energia diretta rappresenterebbero un rapido progresso tecnologico per le operazioni di difesa aerea a corto raggio, un’area che è stata spesso trascurata dai militari al culmine delle operazioni in Iraq e Afghanistan.

Ma poiché l’esercito ha iniziato a concentrarsi su avversari vicini come Cina e Russia, che probabilmente impiegheranno i tipi di risorse che il sistema è progettato per contrastare, i laser sono diventati una priorità maggiore.

Fa anche parte di una più ampia spinta per le armi ad energia diretta in tutto il Dipartimento della Difesa. La Marina ha messo in campo la propria arma a energia diretta, con la Uss Portland che ha ingaggiato con successo un obiettivo di superficie nel Golfo di Aden lo scorso dicembre. L’esercito ha anche lavorato su un dimostratore di veicolo tattico laser ad alta energia da circa 300 kilowatt – HEL-TVD.

Tommaso Dal Passo