USA. Biden non riesce a conciliare aumento del carburante ed ambiente

62

Le ambizioni della presidenza Biden di affrontare il cambiamento climatico si stanno infrangendo nella corsa elettorale per abbassare i prezzi del gas e dimostrare agli elettori un progresso economico tangibile. L’Amministrazione sta cercando di sostenere che il paese può continuare a perseguire un futuro rispettoso del clima mantenendo i prezzi accessibili.

In vista delle elezioni di metà mandato, la Casa Bianca è disperata nell’abbassare il costo del carburante, fatto che comporta questo significa aumentare la produzione globale di benzina, proprio quando Biden sta cercando di “svezzare” gli Stati Uniti dai combustibili fossili. L’Amministrazione sta anche cercando nuove strade, per rendere efficace la sua legge infrastrutturale che vale 1.200 miliardi di dollari. Tuttavia, Biden ha ripristinato le regole che richiedono che i grandi progetti infrastrutturali siano sottoposti a revisioni per gli effetti ambientali e climatici prima che possano essere avviati, un passo che potrebbe causare ritardi significativi.

E mentre la Casa Bianca cerca di affamare Mosca, Biden sta spingendo i paesi alleati a smettere di comprare petrolio e gas russo, in favore di quella americana; fatto che richiede la costruzione di nuovi e costosi terminali di esportazione. Cercando di evitare che le sue priorità si scontrino, la Casa Bianca sostiene che i prezzi del gas alle stelle e la guerra della Russia sottolineano semplicemente l’urgenza per gli Stati Uniti di passare immediatamente a fonti di energia pulita e rinnovabile, eliminando la necessità di acquistare petrolio e gas.

Eppure alcuni studiosi hanno messo in dubbio questa idea, sostenendo che la costruzione di nuovi giganteschi parchi solari ed eolici non è una soluzione praticabile per abbassare immediatamente i costi energetici. Ridurre la domanda di veicoli a benzina, per esempio, richiede la vendita di milioni di veicoli elettrici e l’installazione di decine di migliaia di stazioni di ricarica – passi improbabili per affrontare la crisi dei costi per i consumatori in questo momento, riporta Cnbc.

La ritrovata attenzione di Biden sull’abbassamento dei prezzi del gas nel breve termine ha aperto divisioni tra la sua amministrazione e i gruppi ambientalisti, che in gran parte hanno applaudito i suoi sforzi nel suo primo anno per impegnare gli Stati Uniti sul cambiamento climatico.

I democratici hanno mantenuto una certa speranza che le disposizioni più grandi sul clima che Biden aveva cercato potrebbero ancora diventare legge quest’anno. Ma non ci sono stati segni di negoziati seri e avanzati e il tempo si sta rapidamente esaurendo prima che la stagione della campagna elettorale renda quasi impossibile legiferare al Congresso.

Nel frattempo, la crisi dei prezzi del gas è emersa come la principale priorità economica della Casa Bianca e un crescente rischio politico per il presidente e il suo partito.

Il mese scorso, Biden ha annunciato che avrebbe rilasciato 1 milione di barili di petrolio al giorno dalla riserva strategica del paese, uno dei vari passi per tagliare presto i prezzi del gas. Sta anche permettendo che il biocarburante E15 sia venduto quest’estate, anche se di solito è off-limits nei mesi più caldi dell’anno a causa delle preoccupazioni per lo smog, e incoraggiando i produttori di energia negli Stati Uniti e all’estero a trivellare temporaneamente più petrolio e gas.

La Casa Bianca ha propagandato le mosse come passi concreti e visibili che il presidente sta facendo per abbassare i prezzi in vista di un’elezione che può dipendere in gran parte da chi gli elettori incolpano per l’inflazione e l’aumento dei prezzi.

Lucia Giannini