UNGHERIA. Orban parla con Putin solo di gas non di Ucraina

185

Il premier ungherese Viktor Orban ha descritto il suo viaggio a Mosca come una “missione di pace” alla luce delle tensioni tra Ucraina e Russia, e ha chiesto il dialogo e una risoluzione pacifica. In una conferenza stampa congiunta con il presidente russo Vladimir Putin, Orban ha anche criticato l’inefficacia delle sanzioni punitive dell’unione Europea, dopo l’annessione della penisola di Crimea da parte di Mosca nel 2014: «Devo dire che le sanzioni contro la Russia hanno fatto più male all’Ungheria che alla Russia», ha detto Orban.

I colloqui, riporta BneIntellinews, si sono concentrati su questioni economiche, sull’aumento delle forniture di gas russo e sul possibile trasferimento di tecnologia russa per produrre il vaccino Sputnik in Ungheria, piuttosto che sul rafforzamento militare della Russia ai confini dell’Ucraina. Si è trattato della dodicesima visita del premier ungherese con il presidente russo.

Ironicamente, lo stretto alleato di Orban, il primo Ministro della Polonia, Mateusz Morawiecki, stava contemporaneamente visitando l’Ucraina per offrire supporto. Orban è rimasto in silenzio sul rafforzamento militare ai confini dell’Ucraina e sulle richieste russe di ritirare il dispiegamento militare dai paesi della Nato che non erano membri dell’alleanza militare prima del 1999.

Orban ha detto: «Siamo pronti a raggiungere un accordo ragionevole», ha detto, aggiungendo che nessun leader europeo vuole la guerra. Poi ha continuato a difendere gli stretti legami dell’Ungheria con la Russia, anche se è un membro dell’Ue e della Nato, definendolo il “modello ungherese”, che potrebbe essere seguito da altri: «È possibile, ce ne sono esempi (…) richiede rispetto reciproco», ha aggiunto.

Nella conferenza stampa congiunta dopo l’incontro, Putin ha ricordato che l’Ungheria soddisfa il 55% del suo fabbisogno di petrolio e l’80% del suo fabbisogno di gas dalla Russia e che, nonostante la situazione “difficile” causata dall’epidemia di coronavirus, il commercio bilaterale è aumentato del 30% a 5,5 miliardi di dollari nei primi 11 mesi dello scorso anno.

Orban ha detto che “colloqui significativi” potrebbero iniziare per aumentare il volume di gas che l’Ungheria riceve dalla Russia di 1 bcm all’anno fino a 5,5 bcm. Putin ha notato che la Russia ha bisogno di vedere come si sviluppa la sua situazione di consegna del gas, ma ha aggiunto che un ulteriore 1 bcm «non sarà un grosso problema per noi». Ha aggiunto che l’Ungheria è un “partner affidabile” come paese di transito per il gas russo.

Secondo il rinnovato contratto di gas a lungo termine dell’Ungheria, firmato a settembre 2021, l’Ungheria riceve 4,5 bcm all’anno da Gazprom, di cui 3,5 bcm consegnati dal sud, attraverso l’interconnettore dell’Ungheria con la Serbia, e 1 bcm attraverso il gasdotto che passa dall’Austria.

I preparativi per la costruzione di due nuovi blocchi a Paks sono nella fase finale, ha detto Orban alla conferenza stampa. Il ministro degli Affari esteri e del commercio ungherese Peter Szijjarto ha avuto colloqui con il suo omologo russo Sergey Lavrov a Mosca per un’ora e mezza a seguire l’incontro dei premier. In una dichiarazione rilasciata dal suo ministero, Szijjarto ha detto che le parti hanno approvato un piano d’azione congiunto in sette punti sulla cooperazione in settori come l’industria alimentare, l’energia, la ricerca spaziale e la sanità.

Luigi Medici